Ancona Oggi Notizie

Bari Oggi Notizie

Bologna Oggi Notizie

Ciociaria Oggi Notizie

Firenze Oggi Notizie

Genova Oggi Notizie

Latina Oggi Notizie

Milano Oggi Notizie

Napoli Oggi Notizie

Palermo Oggi Notizie

Perugia Oggi Notizie

Roma Oggi Notizie

Torino Oggi Notizie

Venezia Oggi Notizie

Aosta Oggi Notizie

Catanzaro Oggi Notizie

L'Aquila Oggi Notizie

Potenza Oggi Notizie

Cagliari Oggi Notizie

Campobasso Oggi Notizie

Trieste Oggi Notizie

Trento Oggi Notizie

Recent Posts

Rifiuti, la polizia sequestra due discariche abusive a Tivoli

Denunciati i due gestori di 47 e 52 anni

TIVOLI –  L’emergenza rifiuti nel Lazio sta costringendo tutte le forze dell’ordine agli straordinari. Sono infatti aumentati i controlli su tutti mezzi che trasportano immondizia sulle strade della Provincia. L’ultima operazione della polizia stradale, proprio grazie ad una di queste verifiche, ha permesso di scoprire due discariche abusive a Tivoli Terme, che erano destinate al deposito e allo smaltimento di rifiuti, anche pericolosi. Le due aree sottoposte a sequestro, una di circa 800 mq e l’altra di circa 3000 mq, erano gestite da un italiano di 47 anni e da un rumeno di 52, privi di ogni permesso e documentazione che giustificasse l’esistenza delle suddette discariche e il conseguente smaltimento dei rifiuti. I due sono stati denunciati. Gli agenti hanno infine richiesto agli enti dedicati la riqualificazione della zona e la rimozione dei rifiuti stessi.

Disabilità gravissima, si riaprono i termini per richiedere il contributo

La nuova scadenza sarà il 28 febbraio 2018

CISTERNA DI LATINA – Mentre la politica sembra tacere sul riconoscimento della condizione di disabilità e non propone o attua politiche concrete e servizi per la vita indipendente e l’inclusione nella società per le persone affette da disabilità, un messaggio di speranza arriva dal Distretto Socio sanitario LT/1, che ha seguito della numerose richieste, ha riaperto i termini per presentare le domande di contributo economico in favore dei disabili gravissimi residenti nei comuni di Cisterna, Aprilia, Cori, Rocca Massima. Le richieste potranno pervenire entro la fine del mese di febbraio. Dietro alla decisione, le complesse tempistiche relative alla produzione dell’attestazione ISEE prevista nel bando.

Per gli individui affetti da grave disabilità sono previste previste due tipologie di sostegno economico. Con la prima, l’Assegno di Cura,  si possono acquistare, mediante regolare contratto di lavoro, prestazioni domiciliari rese da personale qualificato scelto direttamente dall’assistito e/o dalla famiglia che si prende cura dei familiari non autosufficienti. L’Assegno ha durata annuale e un importo minimo di 800,00 euro mensili fino ad un massimo di 1.200. La seconda, il Contributo di Cura è un aiuto economico per il riconoscimento e il supporto alla figura del care giver familiare, colui che volontariamente e gratuitamente si prende cura di una persona non autosufficiente.Anche il Contributo ha durata annuale ma un importo mensile di 700,00 euro. La domanda di accesso all’Assegno di Cura ed al Contributo di Cura, corredata dagli allegati richiesti, deve essere indirizzata ai Servizi Sociali dei Comuni afferenti al Distretto e dovrà pervenire all’Ufficio protocollo del Comune, come detto, entro il 28 febbraio 2018 (maggiori informazioni sul sito: www.comune.cisterna.latina.it)

Le vittime di Pinochet si rivolgono al Papa

“Ci aiuti a ritrovare i desaparecidos”

CILE – Le vittime di Pinochet si rivolgono al Papa: “Ci aiuti a ritrovare i desaparecidos”. Lo fanno attravero il presidente della Agrupaciòn de Familiares de Ejecutados Políticos y Detenidos Desaparecidos de Iquique y Pisagua, Héctor Marín Rossel.

Il presidente è stato ricevuto dal Pontefice rappresentando le vittime della repressione degli anni 70. Rossel, nel corso dell’incontro, ha consegnato al Papa una lettera che descrive l’impegno del gruppo nelle ricerche dei familiari desaparecidos, auspicando la collaborazione delle forze armate e del governo cileno.

Il presidente si rivolge al Pontefice attraverso queste parole:

”Le chiedo anche di invitare le forze armate e il governo cileno a collaborare in questa crociata che ci consentirà di avere la pace spirituale di cui tanto abbiamo bisogno”.

Il presidente ha successivamente parlato al Papa di suo fratello, Jorge di 19 anni, che fu rapito e ucciso il 28 Settembre del 1973. Rossel ha inoltre apprezzato il lavoro di promozione e difesa dei diritti umani portato avanti dalla Chiesa Cattolica del Cile. Al termine dell’incontro, parlando con il Direttore Greg Burke, il presidente di AFEPI ha detto che: ”il Papa è stato recettivo nell’ascolto delle sue parole e nel ricevere la lettera”.

 

Settimana della Memoria a Roma: film, documentari, conferenze e letture per non dimenticare l’orrore della Shoah

A pochi giorni dalla “Giornata della Memoria”, Mattarella ha nominato senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz

Lunedì prossimo avrà inizio la settimana della memoria, 7 giorni di commemorazioni in tutta Italia per ricordare le vittime del genocidio perpetrato nella metà del 20° secolo dalla Germania nazista ai danni del popolo ebraico (comunità più colpita con 6 milioni di morti), dei Sinti e Rom, degli omosessuali, dei Testimoni di Geova, causando oltre 15 milioni di defunti.

Giorno centrale della settimana sarà sabato 27 gennaio, data scelta convenzionalmente nel 2005 a seguito di una risoluzione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite per ricordare l’orrore dell’Olocausto. Proprio il 27 gennaio 1945 le truppe dell’Armata Rossa, liberarono il campo di concentramento di Auschwitz. Anche quest’anno la Casa della Memoria e della Storia, aderendo al progetto coordinato da Roma Capitale “Memoria genera Futuro”,  conferma il suo ruolo di primo piano nella Capitale per le celebrazioni intorno al “Giorno della Memoria”.

Il programma delle attività prevede dal 22 al 31 gennaio 2018  proiezioni di film, documentari, testimonianze, conferenze, letture, presentazioni di libri e una mostra.

Le celebrazioni inizieranno lunedì 22 gennaio con un incontro riservato agli studenti e dedicato alle case che permisero agli ebrei di trovare riparo e salvezza dallo sterminio, e con una  mostra dal titolo “Georges de Canino – La notte è scura. Collage contro il terrore 1978 -1983”, incentrata su resistenza, antifascismo e rifiuto della violenza terroristica. Martedì 23 invece sarà possibile partecipare ad un seminario su xenofobia, leggi razziali e sport e alla proiezione del lungometraggio “Nebbia in agosto” diretto da Kai Wessel che racconta le terribili teorie eugenetiche sostenute da Hitler. La mattina di mercoledì 24 invece avrà come argomento centrale la vicenda, sconosciuta ai più, del  rastrellamento a Roma di 2500 carabinieri della Caserma allievi che, nell’ottobre del 1943, organizzarono una resistenza non armata per protestare contro gli occupanti tedeschi, con i quali si rifiutarono di collaborare. Nel pomeriggio sarà presentato il volume “La scoperta dell’Italia. Il fascismo nelle radiocronache americane”, scritto da Mauro Canali. Giovedì 25 sarà invece possibile ricostruire e ricordare tutte le stragi nazifasciste, grazie ad un prontuario che con dovizia di particolari ricorda gli oltre 5000 eccidi verificatesi in Italia. La giornata si concluderà nel pomeriggio con la presentazione del libro di Elisa Guida dal titolo evocativo “La strada di casa. Il ritorno in Italia dei sopravvissuti alla Shoah”. Si riprenderà venerdì con la proiezione di “Radio CoRa”, il film-documentario che racconta la storia realmente accaduta di una emittente clandestina che tenne i contatti tra la Resistenza toscana e i comandi alleati, tra il gennaio e il giugno del 1944. Nel pomeriggio dello stesso giorno avrà luogo invece la presentazione del testo “Pop Shoah? Immaginari del genocidio ebraico”, che si concentra sul timore che l’olocausto sia vittima di negazionismo e manipolazione.  Il progetto “In memoriam”, a cura di Mario Sesti, occuperà tutto il weekend: previste proiezioni di film dei grandi maestri del cinema (da Elia Kazan a Joshua Oppenheimer, da Atom Egoyan a Patricio Guzman). Sarà trasmesso anche il pluripremiato documentario italiano (tra i riconoscimenti, un Globo D’Oro) di Daniele Cini, che fotografa e condanna il terrorismo di stato argentino “per ricordare ogni vittima e ogni sopruso”. Lunedì e martedì saranno ancor più riflessivi con le presentazioni, il 29, dei volumi  Il mistero della buccia d’arancia” di Lia Tagliacozzo e “Quei piccoli grandi eroi che salvarono i libri” di David Fishman e, il 30, con l’incontro-riflessione sui “Giusti di ieri e Giusti di oggi”. A questo ultimo argomento si collega anche la proiezione del film-documentario “ll giudice dei Giusti” di Emanuela Ardisio e Gabriele Nissim – previsto per mercoledì 31 -, che ripercorre la storia dell’ebreo polacco, Moshe Bejski che dedicò la propria vita alla ricerca dei “giusti”. In serata, la proiezione del film “Nel ventre nero della storia” di Luigi Monaldo Faccini con Marina Piperno. La trama è ispirata alla famiglia ebrea romana della donna perseguitata a causa delle leggi razziali.

Tutte le iniziative appena descritte sono realizzate grazie anche alla collaborazione con Associazioni residenti (ANPI, ANED, ANEI, ANPC, ANPPIA, FIAP, IRSIFAR e Circolo G. Bosio) e delle Biblioteche di Roma. Le proiezioni del 27 e 28 gennaio sono in collaborazione con la Fondazione Cinema per Roma.

Proprio alla vigilia di questa serie di eventi, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha deciso di nominare senatrice a vita Liliana Segre per aver illustrato la Patria con altissimi meriti nel campo sociale. La Segre, 87 anni, è una delle ultime testimoni dell genocidio nazifascista, essendo sopravvissuta insieme ad altri 25 bambini tra i 776 deportati nel campo di concentramento di Auschwitz. Un gesto importante e sentito quello del capo dello Stato, che ha voluto così rafforzare il messaggio di uguaglianza, sancito dall’articolo 3 della nostra Costituzione, e di rifiuto di ogni forma di violenza. Un segnale forte per una società, come quella attuale, molto concentrate su se stessa, che troppo facilmente dimentica il proprio passato e la propria storia.

Perché, la memoria rende liberi.

 

Giulianova. Controlli straordinari su tutta la costa

Scattati arresti e denunce

I carabinieri di Giulianova, diretti dal maggiore Vincenzo Marzo, hanno effettuato una serie di controlli mirati sul territorio. Nove pattuglie e venti carabinieri sono stati impiegati complessivamente in una serie di posti di blocco che hanno portato a due arresti e due denunce. I posti di controllo alla circolazione stradale, hanno interessato aree urbane e aree di periferia, soprattutto quelle di maggior degrado, di Giulianova e Roseto degli Abruzzi.

Nel corso della notte sono stati controllati due esercizi pubblici, identificate 28 persone e controllati 21 autoveicoli. Quattro sono state le infrazioni al codice della strada contestate. Dieci i punti decurtati dalle patenti. Due gli arresti effettuati. In stato di fermo un 48enne di Giulianova sul quale pendeva una pena residua di 4 mesi di reclusione per evasione. L’uomo sconterà la pena agli arresti domiciliari. E’ stato arrestato anche un uomo di 56 anni che è stato trasferito nel carcere di Teramo, in quanto gravato da una sentenza di condanna a tre anni e mezzo emessa dal Tribunale di Pesaro per il reato di furto aggravato.

A Giulianova è stato indentificato un 32enne di Pineto. Il giovane, nonostante fosse obbligato a soggiornare nel luogo di residenza, si è allontanato. L’uomo è stato fermato dai militari. In un posto di blocco del Nucleo Radiomobile, è invece stato fermato un uomo di 40 anni. I militari si sono accorti che l’uomo alla guida dell’auto fermata non era lucido, probabilmente a causa dell’uso di sostanze stupefacenti. L’uomo ha rifiutato l’invito dei carabinieri a sottoporsi ai controlli tossicologici. E’ stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Teramo. L’accusa è di guida in stato di alterazione psicofisica, correlata all’uso di stupefacenti. Il tutto aggravato dal rifiuto di sottoporsi all’accertamento clinico previsto dal codice della strada.