Ancona Oggi Notizie

Bari Oggi Notizie

Bologna Oggi Notizie

Ciociaria Oggi Notizie

Firenze Oggi Notizie

Genova Oggi Notizie

Latina Oggi Notizie

Milano Oggi Notizie

Napoli Oggi Notizie

Palermo Oggi Notizie

Perugia Oggi Notizie

Roma Oggi Notizie

Torino Oggi Notizie

Venezia Oggi Notizie

Aosta Oggi Notizie

Catanzaro Oggi Notizie

L'Aquila Oggi Notizie

Potenza Oggi Notizie

Cagliari Oggi Notizie

Campobasso Oggi Notizie

Trieste Oggi Notizie

Trento Oggi Notizie

Recent Posts

Trovate ossa umane nelle malte della risiera di San Sabba

Analisi in corso per confermare la tragica scoperta

Pochi giorni fa Halupca della sezione di speleologia urbana della Società Adriatica di Speleologia si è infatti accorto,  che all’esterno della struttura della risiera di San Sabba sul muro a fianco al forno crematorio emergevano dall’intonaco deteriorato dalle intemperie alcuni frammenti porosi simili a resti di ossa umane. Una tragica scoperta quella che il triestino Enrico Halupca potrebbe aver fatto se confermata dalle analisi in corso. Dalle prime ipotesi potrebbe trattarsi di frammenti di cranio e femore. Se tutto ciò fosse vero nella malta i nazisti avrebbero utilizzato anche le ceneri del forno delle quali dovevano disfarsi, ennesimo spregio contro le vittime.

Allerta meteo: freddo e bora sulla costa

Fronte freddo atlantico

Un promontorio anticiclonico interessa l’Italia. Sabato sera arriverà sulla regione un fronte freddo atlantico e domenica affluiranno correnti più fredde e secche da nord-ovest in quota.  Per sabato 25/11: Al mattino saranno possibili deboli precipitazioni locali, dal pomeriggio probabili precipitazioni diffuse, in genere abbondanti, intense sulla fascia orientale, specie sulle Prealpi Giulie. Vento di Scirocco moderato in pianura, sostenuto sulla costa con qualche possibile raffica forte. La quota neve sarà inizialmente a 1300-1500 m in alta Carnia, 1700-2000 m sulle altre zone; in serata possibili temporali sulle zone orientali e dalla tarda serata quota neve in rapido calo a fondovalle in alta Carnia e sul Tarvisiano, sui 500 m altrove. Nella notte vento sostenuto o forte da nord in pianura, Bora anche forte sulla costa.
Per domenica 26/11: Domenica mattina precipitazioni residue, con deboli nevicate oltre i 500 m circa, poi miglioramento a partire dalla Carnia. Bora moderata in pianura, sostenuta sulla costa, in attenuazione. Ghiaccio al suolo nei fondovalle innevati.

 

Ciclista travolto da un auto

L’uomo non sarebbe in pericolo di vita

Ieri un ciclista è stato travolto nei pressi di una rotonda, è stato poi portato all’Ospedale di Città di Castello. Sul posto la polizia municipale e l’ambulanza del 118, che ha trasportato il ciclista al nosocomio tifernate. L’uomo non sarebbe in pericolo di vita. Dopo gli accertamenti dei medici è stato ricoverato.

Finanziere colpito alla testa da proiettile, condizioni critiche

Ha attraversato collo e testa: prognosi riservata

Centro della Guardia di Finanza di Orvieto, un giovane militare, durante l’addestramento è stato ferito da un arma da fuoco,  è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione del Santa Maria della Misericordia. Il giovane è stato trasportato con l’elisoccorso dopo la chiamata alla centrale del 118. Dopo  un sopralluogo dei sanitari di Orvieto si decideva per il trasferimento con un mezzo più idoneo, vista la gravità del caso. Secondo quanto riferisce l’ufficio stampa dell’Azienda Ospedaliera di Perugia è certo che la ferita è stata provocata da una arma da fuoco, ma la dinamica dell’accaduto è tutt’ora in fase di accertamento.La prognosi del militare è riservata, il proiettile ha attraversato il collo e la testa.

Chirurgia mininvasiva e robotica per le attività toraciche

Prima resezione polmonare robotica per l’asportazione di un tumore maligno

Marche Nord ha aperto le sue porte al confronto con centri di riferimento nazionale. Grazie alla collaborazione della dottoressa Giulia Veronesi, Responsabile della Sezione di Chirurgia Toracica dell’istituto clinico Humanitas di Milano, è stato eseguito nelle sale operatorie del San Salvatore la prima resezione polmonare robotica per l’asportazione di un tumore maligno. La preparazione e l’esperienza consolidata del team chirurgico ha permesso di entrare a far parte di quei pochi centri italiani in cui la chirurgia mininvasiva e robotica viene applicata per tutte le discipline chirurgiche compresa quella toracica, una branca considerata di alta specializzazione.

«Voglio ringraziare la dottoressa Veronesi – spiega Felice Lo Faso, nuovo chirurgo toracico di Marche Nord – tutor e faro per la chirurgia toracica robotica nazionale e internazionale. Un ringraziamento al primario Alberto Patriti per avere messo a disposizione le sue competenze con il robot Da Vinci che ha permesso di eseguire la prima lobectomia polmonare robotica all’ospedale Marche Nord. Un lavoro di squadra e di equipe che permetterà all’ospedale di offrire prestazioni sempre più specialistiche, che poi è quello che dovrà fare sempre più l’azienda ospedaliera».  Numeri in crescita infatti per gli interventi di alta complessità per la chirurgia toracica a Marche Nord: quest’anno le prestazioni sono salite a 129 rispetto ai 112 del 2016 .

 

Si lancia dal terrazzo dopo aver dato fuoco alla casa

Si barrica e appicca fuoco in casa

Stamattina verso le 11,30 viene dato l’allarme ai vigili, è la moglie che chiama, perchè il marito si è barricato in casa e dopo aver dato fuoco al balcone si lancia fuori dal suo appartamento volando per circa 6 metri. Poco prima aveva dato fuoco al balcone di casa, nonostante i tentativi dei soccorritori di farlo desistere. Sul posto i vigili del fuoco, la Polizia di Ancona, la Croce Rossa ed i medici del 118. Intorno alle 13.30 è scattato il blitz degli agenti ed a quel punto l’uomo si è gettato dal terrazzo. I medici lo hanno subito soccorso trovandolo incosciente ed in gravi condizioni. Poi il trasporto d’urgenza all’ospedale regionale di Torrette.

Campi Bisenzio incendiati

Portati in salvo un disabile e due donne

Stamani a nel comune a Campi Bisenzio, in un terratetto di San Donnino, è divampato un incendio. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco che hanno estratto un disabile, un uomo completamente allettato, la moglie e la sorella. L’incendio si è sviluppato al piano superiore dell’abitazione e per lo spegnimento è stato necessario scoperchiare anche una parte della copertura. L’intero appartamento di Via della Nava è stato dichiarato inagibile. Le tre persone che si trovavano all’interno sono poi state affidate alle cure del 118“

Primo intervento di cambio sesso

Da donna a uomo

Eseguito per  la prima volta in Toscana un intervento di cambio di sesso da donna a uomo con la microchirurgia. L’intervento ha richiesto il prelievo del lembo dal braccio per la ricostruzione degli organi maschili, con tutte le funzionalità ad esso connesse. I due pazienti sono in buone condizioni e hanno completato il percorso assistenziale definito dal “percorso diagnostico-terapeutico sulla disforia di genere” iniziato già a gennaio. i due interventi hanno avuto una durata di circa 6 ore ciascuno, grazie all’utilizzo della doppia equipe che ha permesso di eseguire contemporaneamente il prelievo e l’autotrapianto di tessuti nelle varie parti anatomiche interessate.Sono stati eseguiti grazie alla collaborazione con lo University College Hospital di Londra, centro di eccellenza per questa particolare chirurgia.

I pazienti che da anni aspettavano questo intervento si sono rivolti agli ospedali di Pisa e Firenze essendo venuti a conoscenza dell’elevata specializzazione in questo tipo di chirurgia, frutto anche dell’esperienza mutuata dallo University College London Hospital e dal gruppo diretto dal professor David Ralph di cui il professor Giulio Garaffa fa parte. Per la prima volta, due aziende ospedaliero-universitarie, grazie al supporto anche della componente amministrativa dei due ospedali, si sono unite in un reciproco scambio di mezzi ed esperienze per offrire un percorso potenziato nel trattamento di una condizione per troppo tempo sottovalutata, consentendo lo spostamento non dei pazienti bensì dell’equipe chirurgica

 

Teatro della Toscana: alla Pergola “Il nome della rosa”

Il romanzo di Eco nella prima versione teatrale italiana di Massini diretta da Muscato

IL NOME DELLA ROSA di Umberto Eco  – 28 novembre – 3 dicembre | Teatro della Pergola

prima versione teatrale italiana di Stefano Massini (© 2015) scene Margherita Palli,costumi Silvia Aymonino, luci Alessandro Verazzi, musiche Daniele D’Angelo, video Fabio Massimo Iaquone, Luca Attilii, assistente regia Alessandra De Angelis, assistente scenografa Francesca Greco, assistente costumi Virginia Gentili, regia e adattamento Leo Muscato.

Il nome della rosa è un omaggio a Umberto Eco nella prima versione teatrale italiana di Stefano Massini per la regia di Leo Muscato, al Teatro della Pergola di Firenze da martedì 28 novembre a domenica 3 dicembre. Un cast di tredici attori dà vita a quaranta personaggi, con una recitazione empatica, colloquiale, quotidiana, per uno spettacolo che, nell’insieme, ha un taglio avvincente. “Se è vero che al centro dell’opera di Eco – afferma Leo Muscato – vi è la feroce lotta fra chi si crede in possesso della verità e agisce con tutti i mezzi per difenderla, e chi al contrario concepisce la verità come la libera conquista dell’intelletto umano, è altrettanto vero che non è la fede a essere messa in discussione, ma due modi di viverla differenti”. Su uno sfondo storico-politico-teologico, nel momento culminante dello scontro tra Chiesa e Impero sul finire del 1300, si dipana un racconto dal ritmo serrato tra cronaca medioevale, romanzo poliziesco, allegoria e giallo.  Una produzione Teatro Stabile di Torino, Teatro Stabile di Genova, Teatro Stabile del Veneto.

Consegnate tre nuove ambulanze per le sedi di Udine, Cividale e San Pietro al Natisone

Sono state consegnate tre nuove ambulanze per ridurre e migliorare i servizi di pronto intervento

Sono state consegnate al Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine Mauro Delendi, Giulio Trillò, responsabile dell’Elisoccorso Fvg e del soccorso territoriale, Claudio Lizzi, responsabile dei mezzi di Asuiud  Cristiana Macor e Daniele Pavsler rispettivamente Responsabile Dipartimentale dell’Assistenza e Coordinatore Infermieristico nel Dipartimento di Anestesia e Rianimazione.

Tre nuove autoambulanze destinate alle postazioni di soccorso territoriale dell’Azienda Sanitaria Universitaria di Udine

I nuovi mezzi saranno operativi nelle sedi di Udine, Cividale e San Pietro al Natisone. Forniti di un specifica strumentazione utile al personale sanitario.  Si tratta di due Fiat Ducato, destinati alle postazioni di Udine e Cividale e un Volkswagen Transporter Syncro a trazione integrale destinato alla postazione di S. Pietro al Natisone.

GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

Informazione e formazione – Una riflessione dedicata a tutte le Donne perché vivano.

Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, un appuntamento importante nell’a€™mbito del quale il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani vuole esprimere una propria riflessione sull’importanza della formazione, quale strumento basilare per prevenire fenomeni di prevaricazione e violenza. Il problema della violenza sulle donne investe prepotentemente la società civile contemporanea. La violenza esiste ed è diffusa, e nonostante anni di impegno e di crescente attenzione non appare per nulla in diminuzione. Le donne sono vittime di brutali ed efferate forme di violenza nella quotidianità e soprattutto nelle relazioni più intime. Un aspetto inquietante della violenza che ci deve interrogare a più livelli.

La Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è una ricorrenza istituita dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite, tramite la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, nella quale l’ONU ha designato il 25 novembre come data della ricorrenza e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare attività volte a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema.

Questa data fu scelta in ricordo delle tre sorelle Mirabal, barbaramente assassinate nel lontano 1960. Tre donne considerate esempio di “donne rivoluzionarie”, per l’impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo, il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell’arretratezza e nel caos per oltre 30 anni. Quel giorno le tre sorelle, lungo la strada che le avrebbe portate alla prigione per fare visita ai mariti, furono bloccate dagli agenti del Servizio di Informazione Militare. Condotte in un luogo nascosto lontano da occhi indiscreti, furono torturate, massacrate a colpi di bastone e strangolate. Al fine di occultare l’omicidio, le sorelle Mirabal furono gettate in un precipizio a bordo della loro auto.

Una riflessione dedicata a tutte le Donne che spariscono, ma risorgono dalle loro ceneri.

La Prof.ssa Elisabetta Barbuto sottolinea l’importanza dell’informazione e della  formazione:

“Da allora sono passati tanti anni e questa violenza continua ancora ad imperversare in modo sempre crescente. Non vi è giorno in cui non si parli di una Donna maltrattata, torturata, sfregiata, umiliata, violentata, costretta in schiavitù fisica o morale. Donne costrette a vivere una situazione di violenza tra le mura domestiche; Donne cui si nega la libertà di porre fine ad un rapporto sentimentale, Donne sfregiate, picchiate, uccise; Donne costrette a prostituirsi; Donne, ma sarebbe più giusto dire bambine, costrette a matrimoni con uomini molto più grandi di loro; Donne che giungono sui barconi della speranza , se riescono a sopravvivere, violentate e depredate della loro dignità; Donne mutilate nella loro femminilità; Donne violentate brutalmente nelle nostre civili metropoli e abbandonate come stracci , come cose inutili, come oggetti…. Madri, figlie, sorelle, amiche, compagne, mogli… Donne. Donne violate, Donne umiliate, Donne brutalizzate, calpestate, terrorizzate, uccise due, tre, dieci, cento, mille volte, non solo fisicamente , ma anche moralmente”.

“E’ difficile scrivere della violenza sulle donne in un mondo che non cessa di usare violenza. Cosa dire più di quanto non ci venga quotidianamente somministrato dai mezzi di informazione; dagli interventi di sociologi, psicologi, psichiatri, criminologi, avvocati, magistrati, politici nel corso delle tante trasmissioni dedicate all’argomento Cosa aggiungere di più alle immagini che ci giungono brutali nella loro efferatezza?
E allora appare naturale porsi qualche domanda. Perché, nonostante se ne parli continuamente, la violenza non accenna minimamente a fermarsi? Perché evidentemente occorre avere maggiore attenzione ad un altro aspetto fondamentale per una crescita sana ed equilibrata ed improntata al rispetto dei valori umani. Perché occorre privilegiare la formazione oltre che l’informazione”.

“Informare e formare. Due verbi quasi simili che indicano, tuttavia, due attività profondamente diverse tra di loro, ma altrettanto essenziali al punto che una non può prescindere dall’altra.
Informare è sicuramente giusto, è espressione di civiltà e di libertà. Ma l’informazione, se non adeguatamente equilibrata con una formazione umana e culturale al rispetto della vita, conduce con sé il rischio terribile e sconvolgente dell’assuefazione e della impermeabilizzazione alle notizie tragiche, notizie recepite durante la cena o il pranzo in famiglia al pari di un viaggio all’estero del Capo dello Stato piuttosto che della vittoria della propria squadra di calcio. Mera cronaca quotidiana da archiviare velocemente dopo un breve attimo di commozione.  Sovviene, allora, la formazione. Dopo l’imprescindibile opera della famiglia, va riconsiderata e sorretta la paziente opera dei docenti, sì quei docenti spesso vilipesi, quei docenti che nonostante le mille difficoltà quotidiane, continuano a dare il massimo ai loro allievi per formare alla comprensione, alla solidarietà, alla tolleranza, all’accettazione, in due parole al Rispetto e alla Umanità. Perché formare è un’attività impegnativa e faticosa, ma consente di sviluppare oltre all’humana pietas, anche la consapevolezza di aver contribuito a prevenire gesti di prevaricazione e prepotenza e a favorire il dialogo, l’ascolto e il rispetto e la libertà altrui.
Perché se è vero, come è vero, che l’Istruzione rende liberi, è altrettanto vero che la Cultura rende Uomini e Donne liberi. E quando si conosce, si apprezza e si fa proprio il valore della libertà, niente e nessuno potrebbe mai convincere, anche solo di pensare, di privarne l’altro con la violenza e la sopraffazione”.

“Vogliamo dedicare questa riflessione a tutte le Donne che spariscono, ma risorgono dalle loro ceneri, come l’araba fenice, per rendere la loro testimonianza e rivendicare con fierezza la loro libertà e la loro dignità in ogni momento, in ogni attimo, in ogni gesto, in ogni gioia e in ogni dolore. Vogliamo dedicare questa riflessione a tutte le Donne perché vivano”.

ROMA, ARRESTATI 20 PUSCHER E SEQUESTRATO MEZZO CHILO DI DROGA

Tutto in 48 ore grazie ai controlli antidroga dei Carabinieri

ROMA – I carabinieri del Comando Provinciale di Roma, hanno arrestato 20 persone e sequestrato circa mezzo chilo di sostanze stupefacenti in dosi, tra cocaina, eroina, marijuana e metanfetamina, 32 pasticche di yaba e 8.900 euro in contanti proventi dello spaccio.

Quattro degli arrestati sono cittadini italiani, tre romani e uno di Frosinone. Sedici i cittadini stranieri, tre albanesi, due provenienti dal Bangladesh, uno Pakistano, e dieci africani. Gli arrestati, di età compresa tra i 19 e i 50 anni, per la maggiorparte già noti alle forze dell’ordine, sono tutti accusati, a vario titolo, di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti. Il blitz antidroga é scattato nelle ultime 48 ore ed ha interessato diverse aree della Capitale: Termini, San Lorenzo, Pigneto, Trastevere, Marconi, Trullo, Torrevecchia, piazza Vittorio Emanuele II, San Basilio e Torpignattara.

Nel corso di mirati controlli, i militari hanno rinvenuto, all’interno di ingegnosi nascondigli, quantità ingenti di stupefacenti. In particolare

in via Decio Azzolino, i militari hanno sorpreso una 46enne romana, senza occupazione, che dopo essere stata avvicinata in strada da un giovane, si è recata nell’androne condominiale e ha prelevato dosi di cocaina dalla sua cassetta della posta.

in viale Ventimiglia, al Trullo, i Carabinieri hanno fermato un 27enne romano che si aggirava con fare sospetto a bordo della sua autovettura. Ispezionata l’auto, i militari hanno scoperto un vano sotto il sedile lato guida dove erano occultate dosi di cocaina e metanfetamina.

in via Renzo da Ceri, al Pigneto, i Carabinieri hanno arrestato un 30enne della Guinea che nascondeva ben 18 ovuli di eroina nel cavo orale.

in via Antonino Lo Surdo, zona Marconi, a casa di tre arrestati, giovani cittadini albanesi, i Carabinieri hanno rinvenuto 20 grammi di cocaina e 110 grammi di marijuana in un doppiofondo dell’armadio della loro camera da letto.

In tutti i casi i Carabinieri sono intervenuti recuperando la droga occultata. Dei pusher, uno è stato portato in carcere a Regina Coeli, uno è stato sottoposto agli arresti domiciliari mentre gli altri sono stati trattenuti in caserma in attesa del rito direttissimo.

ROMA, UTILIZZAVA L’ABITAZIONE COME BASE PER LO SPACCIO.

Arrestato dalla Polizia di Stato un 50enne albanese

ROMA – Gli investigatori del Commissariato Trevi Campo Marzio, diretto da Mauro Fabozzi, hanno arrestato, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto dell’attività di spaccio di stupefacenti, un albanese di 50 anni. L’uomo ,M.G., utilizzava il suo appartamento a Ciampino, come base di spaccio di cocaina. Nel corso dell’appostamento sotto casa dell’uomo, gli agenti hanno constatato che questo continuava ad entrare ed uscire ripetutamente dall’appartamento e al citofono raccomandava alla sua complice di chiudersi dentro e di non aprire a nessuno e per nessun motivo. Per questi motivi gli agenti di polizia hanno deciso di fermarlo ed é a questo punto che l’uomo ha tentato più volte di disfarsi delle chiavi di casa, che però sono state recuperate. Una volta perquisito, è stato trovato in possesso di 8 involucri termosaldati contenenti cocaina e, all’interno del borsello, un coltello a serramanico oltre a 210 euro in banconote di piccolo taglio, probabile provento dell’attività di spaccio.

I polizziotti hanno dunque perquisito anche l’appartamento. Al suo interno sono stati trovati, nascosti nei vari ambienti, numerosi involucri in cellophane contenenti cocaina per un peso totale di circa 40 grammi, nonché la somma di 950 euro in banconote di piccolo taglio e tre bilancini di precisione. Accompagnato negli uffici di polizia, per lo straniero, già noto alle forze dell’ordine, sono scattate le manette. Dovrà rispondere di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

CINQUE ARRESTI PER TRAFFICO DI ESSERI UMANI

Migranti verso la Francia in condizioni disumane

LATINA – Grazie ad una operazione giudata dalla squadra mobile, gli agenti hanno potuto smantellare due organizzazioni che gestivano un vero e proprio traffico di esseri umani. L’indagine è partita proprio da Latina. Gli investigatori hanno scoperto un traffico di migranti che partivano dall’Italia per essere trasferiti in diversi paesi dell’Unione Europea. La meta favorita era la Francia.

L’operazione è stata chiamata “Passeur”. Cinque sono le persone arrestate, una sesta è ancora a piede libero. Gli arrestati sono: Kossi Anigoleme, David Camara e Yacouba Konatè, provenienti dal Togo, dal Burkina Faso e dalla Costa D’Avorio, che sono stati arrestati ad Imperia dove erano ospiti della cooperativa sociale l’Ancora. Amadou Saikou Barry arrestato nella sua abitazione di Vigevano e Amadou Bah arrestato a Milano in un Centro di Accoglienza.

I cinque sono stati accusati di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e coinvolgimento di minori tra i 13 e i 15 anni. I migranti viaggiavano in condizioni disumane all’interno di automobili e di treni dove erano stipati all’interno di licali tecnici e nel vano motore.

LATINA, GRANDI DIFFICOLTA’ PER L’ASSOCIAZIONE AMICI DEL CANE

La struttura del canile è in pessimo stato e i contributi del Comune non arrivano

LATINA – Continuano i problemi al canile. L’Associazione ONLUS Amici del Cane di Latina chiede all’amministrazione di essere fedele e di avere rispetto per gli accordi presi. Attraverso una nota l’Onlus spiega ai cittadini la grave inadempienza del Comune:

“Lo scorso luglio l’associazione ha vinto la gara d’appalto per la gestione del Canile Comunale. Fino ad oggi purtroppo, dopo 5 mesi, si è ancora in attesa della firma del contratto che sancisca gli impegni presi dal Comune con la gara d’appalto. Ad oggi ancora non è stato erogato alcun contributo stabilito dalla gara che riguarda la cura e il mantenimento di più di 700 cani presenti nel canile. L’associazione ha cercato di tutelare al meglio tutti i cani per quanto riguarda il loro sostentamento, le loro cure, la manutenzione dei box del canile e di garantire gli stipendi al personale che lavora quotidianamente. Ora, arrivato il mese di novembre, il canile è giunto al collasso. La situazione peggiora di giorno in giorno: dal mese scorso il personale non riceve lo stipendio, le fatture delle medicine e del mangime si accumulano, si hanno solleciti continui da parte dei fornitori e carenze di rifornimenti. Una situazione così non si era mai verificata e necessita di una soluzione più che tempestiva. I documenti richiesti sono stati presentati da tempo, e non è dato sapere il perché di tali ritardi nell’erogazione dei contributi, pur essendoci accordi scritti. L’associazione dunque vuole far presente a tutti i cittadini della prolungata mancanza di interesse e contributo attivo da parte del Comune: un’ingiustizia perpetuata a degli esseri viventi accalappiati e rinchiusi per ordine pubblico, di cui il Comune è diretto responsabile. L’Associazione ha tutelato e provveduto per quanto possibile, ora chiede aiuto e il rispetto degli accordi presi nel bene di tutti quei cani di cui si prende cura ogni giorno”.

Il Comune di Latina in una nota fa sapere che: “La firma del contratto era prevista per il 23 novembre e darà il via alle pratiche utili ad erogare il contributo. La procedura, nota e già comunicata, segue dunque l’iter previsto. Il contributo all’associazione “Amici del Cane”, cui è affidata la gestione del canile di Latina, è da tempo oggetto di attenzione da parte degli uffici comunali preposti e avrà risoluzione immediata, come comunicato alla Presidente dell’associazione Rosaria Alesini”.

Recent Posts

novembre, 2017

  • 24 novembre

    Trovate ossa umane nelle malte della risiera di San Sabba

    Analisi in corso per confermare la tragica scoperta Pochi giorni fa Halupca della sezione di speleologia urbana della Società Adriatica di Speleologia si è infatti accorto,  che all’esterno della struttura della risiera di San Sabba sul muro a fianco al forno crematorio emergevano dall’intonaco deteriorato dalle intemperie alcuni frammenti porosi simili …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Allerta meteo: freddo e bora sulla costa

    Fronte freddo atlantico Un promontorio anticiclonico interessa l’Italia. Sabato sera arriverà sulla regione un fronte freddo atlantico e domenica affluiranno correnti più fredde e secche da nord-ovest in quota.  Per sabato 25/11: Al mattino saranno possibili deboli precipitazioni locali, dal pomeriggio probabili precipitazioni diffuse, in genere abbondanti, intense sulla fascia orientale, …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Ciclista travolto da un auto

    L’uomo non sarebbe in pericolo di vita Ieri un ciclista è stato travolto nei pressi di una rotonda, è stato poi portato all’Ospedale di Città di Castello. Sul posto la polizia municipale e l’ambulanza del 118, che ha trasportato il ciclista al nosocomio tifernate. L’uomo non sarebbe in pericolo di …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Finanziere colpito alla testa da proiettile, condizioni critiche

    Ha attraversato collo e testa: prognosi riservata Centro della Guardia di Finanza di Orvieto, un giovane militare, durante l’addestramento è stato ferito da un arma da fuoco,  è ricoverato in gravi condizioni nel reparto di Rianimazione del Santa Maria della Misericordia. Il giovane è stato trasportato con l’elisoccorso dopo la …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Chirurgia mininvasiva e robotica per le attività toraciche

    Prima resezione polmonare robotica per l’asportazione di un tumore maligno Marche Nord ha aperto le sue porte al confronto con centri di riferimento nazionale. Grazie alla collaborazione della dottoressa Giulia Veronesi, Responsabile della Sezione di Chirurgia Toracica dell’istituto clinico Humanitas di Milano, è stato eseguito nelle sale operatorie del San …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Si lancia dal terrazzo dopo aver dato fuoco alla casa

    Si barrica e appicca fuoco in casa Stamattina verso le 11,30 viene dato l’allarme ai vigili, è la moglie che chiama, perchè il marito si è barricato in casa e dopo aver dato fuoco al balcone si lancia fuori dal suo appartamento volando per circa 6 metri. Poco prima aveva dato …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Campi Bisenzio incendiati

    Portati in salvo un disabile e due donne Stamani a nel comune a Campi Bisenzio, in un terratetto di San Donnino, è divampato un incendio. Sul posto sono accorsi i vigili del fuoco che hanno estratto un disabile, un uomo completamente allettato, la moglie e la sorella. L’incendio si è …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Primo intervento di cambio sesso

    Da donna a uomo Eseguito per  la prima volta in Toscana un intervento di cambio di sesso da donna a uomo con la microchirurgia. L’intervento ha richiesto il prelievo del lembo dal braccio per la ricostruzione degli organi maschili, con tutte le funzionalità ad esso connesse. I due pazienti sono …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Teatro della Toscana: alla Pergola “Il nome della rosa”

    Il romanzo di Eco nella prima versione teatrale italiana di Massini diretta da Muscato IL NOME DELLA ROSA di Umberto Eco  – 28 novembre – 3 dicembre | Teatro della Pergola prima versione teatrale italiana di Stefano Massini (© 2015) scene Margherita Palli,costumi Silvia Aymonino, luci Alessandro Verazzi, musiche Daniele D’Angelo, video Fabio Massimo Iaquone, Luca Attilii, assistente regia Alessandra De Angelis, assistente scenografa Francesca Greco, assistente …

    Leggi »
  • 24 novembre

    Consegnate tre nuove ambulanze per le sedi di Udine, Cividale e San Pietro al Natisone

    Sono state consegnate tre nuove ambulanze per ridurre e migliorare i servizi di pronto intervento Sono state consegnate al Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine Mauro Delendi, Giulio Trillò, responsabile dell’Elisoccorso Fvg e del soccorso territoriale, Claudio Lizzi, responsabile dei mezzi di Asuiud  Cristiana Macor e Daniele Pavsler rispettivamente Responsabile Dipartimentale dell’Assistenza …

    Leggi »
  • 24 novembre

    GIORNATA INTERNAZIONALE PER L’ELIMINAZIONE DELLA VIOLENZA CONTRO LE DONNE

    Informazione e formazione – Una riflessione dedicata a tutte le Donne perché vivano. Il 25 novembre ricorre la Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne, un appuntamento importante nell’a€™mbito del quale il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani vuole esprimere una propria riflessione sull’importanza della formazione, quale …

    Leggi »
  • 24 novembre

    ROMA, ARRESTATI 20 PUSCHER E SEQUESTRATO MEZZO CHILO DI DROGA

    Tutto in 48 ore grazie ai controlli antidroga dei Carabinieri ROMA – I carabinieri del Comando Provinciale di Roma, hanno arrestato 20 persone e sequestrato circa mezzo chilo di sostanze stupefacenti in dosi, tra cocaina, eroina, marijuana e metanfetamina, 32 pasticche di yaba e 8.900 euro in contanti proventi dello …

    Leggi »
  • 24 novembre

    ROMA, UTILIZZAVA L’ABITAZIONE COME BASE PER LO SPACCIO.

    Arrestato dalla Polizia di Stato un 50enne albanese ROMA – Gli investigatori del Commissariato Trevi Campo Marzio, diretto da Mauro Fabozzi, hanno arrestato, nell’ambito di servizi finalizzati al contrasto dell’attività di spaccio di stupefacenti, un albanese di 50 anni. L’uomo ,M.G., utilizzava il suo appartamento a Ciampino, come base di …

    Leggi »
  • 24 novembre

    CINQUE ARRESTI PER TRAFFICO DI ESSERI UMANI

    Migranti verso la Francia in condizioni disumane LATINA – Grazie ad una operazione giudata dalla squadra mobile, gli agenti hanno potuto smantellare due organizzazioni che gestivano un vero e proprio traffico di esseri umani. L’indagine è partita proprio da Latina. Gli investigatori hanno scoperto un traffico di migranti che partivano …

    Leggi »
  • 24 novembre

    LATINA, GRANDI DIFFICOLTA’ PER L’ASSOCIAZIONE AMICI DEL CANE

    La struttura del canile è in pessimo stato e i contributi del Comune non arrivano LATINA – Continuano i problemi al canile. L’Associazione ONLUS Amici del Cane di Latina chiede all’amministrazione di essere fedele e di avere rispetto per gli accordi presi. Attraverso una nota l’Onlus spiega ai cittadini la …

    Leggi »

Bologna Oggi Notizie