Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ambiente > Se adotti un cane o un gatto, l’Umbria ti rimborsa le spese veterinarie

Se adotti un cane o un gatto, l’Umbria ti rimborsa le spese veterinarie

L’Umbria sarà la prima regione italiana a rimborsare le spese medico veterinarie a chi adotta un cane o un gatto. La proposta è diventata legge.

È diventata legge in Umbria la proposta che prevede un rimborso delle spese medico veterinarie a chi adotta un cane o un gatto. L’idea viene dal portavoce dell’opposizione Marco Squarta, capogruppo di Fratelli d’Italia in Assemblea legislativa dell’Umbria, già noto per la proposta dell’istituzione di un Codice Etico dello Sport. La legge proposta da Squarta è stata approvata, e prevede un rimborso delle spese medico veterinarie a chi decida di adottare un cane o un gatto: “L’Umbria è la prima regione d’Italia a prevedere una legge così”, scrive Squarta su Facebook. Il consigliere di Fratelli d’Italia ha spiegato che “gli umbri che vivono in condizioni di fragilità potranno prendersi cura di un animale e allo stesso tempo si svuoteranno gradualmente le strutture che rappresentano un costo per le casse pubbliche e un impegno per i gestori. È un provvedimento di grande civiltà”.

Nello specifico della legge, Squarta precisa che la norma garantisce “l’erogazione delle prestazioni veterinarie gratuite, compresa la microchippatura e la sterilizzazione” degli animali domestici adottati, se il padrone si trova “in situazioni di svantaggio economico” o vivono in condizioni di disabilità. Tra gli animali che rientrano nel provvedimento ci sono anche quelli impiegati nella pet therapy, cioè quelli “impiegati negli interventi assistiti con animali”. “Per me gli animali domestici sono membri della famiglia”, festeggia sui social il consigliere, ringraziando la collega Carla Casciari, insieme alla quale Squarta ha portato avanti la proposta di legge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *