Sei in: Home > Edizioni Locali > Perugia > Umbria, alleanza civica brancola nel buio: anche Di Maolo sembra rifiutare

Umbria, alleanza civica brancola nel buio: anche Di Maolo sembra rifiutare

Il progetto giallo-rosso di unirsi in un’alleanza civica sembra sempre più in difficoltà: anche Francesca Di Maolo sembra aver rifiutato la posizione di candidato di punta.

Voci sempre più insistenti che l’avvocato Francesca Di Maolo potrebbe non accettare l’invito a candidarsi presidente della Regione Umbria per il patto civico al quale stanno lavorando Movimento 5 stelle e Pd. Al momento, comunque, né la presidente del Serafico di Assisi né i due partiti hanno confermato o smentito la decisione. “Anche Di Maolo rifiuta la candidatura” annuncia Andrea Fora, candidato presidente civico per le regionali in Umbria appoggiato dal Pd. “A questo punto – afferma – è chiaro che c’è qualcosa che non va e che deve essere risolta al più presto. Mi prendo qualche ora per riflettere e lunedì mattina dirò la mia”. “Francesca Di Maolo, a quanto si apprende, ha sciolto negativamente la riserva e non sarà candidata ‘civica’ del Pd e dei 5 stelle” sottolinea anche Fiammetta Modena, senatrice umbra di Forza Italia. Secondo la quale “l’elenco dei no incassato dallo pseudo progetto giallo rosso testimonia come non esiste una ‘società civica’ e una ‘società partitica’”.

“Pd e grillini continuano a prendere in giro gli Umbri, cambiando ogni giorno squadra e candidati, una vergogna senza precedenti. Per fortuna fra 35 giorni l’Umbria cambierà, dopo cinquant’anni di sinistra: onestà, merito, efficienza, ricostruzione, infrastrutture, sicurezza e lavoro. Con tanti saluti a Renzi, Zingaretti e Di Maio”: dice il leader della Lega Matteo Salvini.