Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Trento, col turismo aumentano anche i crimini e le truffe

Trento, col turismo aumentano anche i crimini e le truffe

Dieci denunce, due arresti e un aumento di crimini a ridosso di Ferragosto. L’attività dei Carabinieri della Compagnia di Cavalese, instancabili anche d’estate.

In prossimità delle vacanze di Ferragosto, i crimini e i furti nella zona di Trento sono aumentati. Solo negli ultimi giorni, infatti, i Carabinieri della Compagnia di Cavalese hanno arrestato due persone, mentre altre dieci sono state colpite da denunce per vari reati.

Il primo è arrivato a seguito delle indagini dei militari dell’Arma, che li hanno portati sulle tracce di un uomo originario del Lazio che avrebbe truffato un anziano disabile assistito. L’uomo è stato arrestato con l’accusa di aver sottratto all’anziano la carta di credito, che avrebbe poi utilizzato per effettuare acquisti online per un totale di 4mila euro di prodotti. Il secondo arresto, poi, ha colpito un giovane di Capriana che è stato colto in flagrante mentre coltivava piante di canapa indiana, nascosto in una zona isolata della Valfloriana.

Infine, con l’aumento di turisti sono anche aumentate le denunce e le segnalazioni di truffe. La maggior parte delle denunce riguarda truffe informatiche, che comprendono in molti casi un utilizzo indebito della carta di credito. Sei dei presunti autori di truffe sono già stati individuati dai militari dell’Arma e denunciati alla magistratura. Inoltre, altre denunce sono state presentate, di cui alcune per reati in ambito familiare e per lesioni personali. Infine, i Carabinieri di Imer hanno denunciato un uomo che avrebbe rubato alcuni veicoli in sosta.