Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ciociaria > Tragedia in casa: anziana batte la testa sul braciere e muore

Tragedia in casa: anziana batte la testa sul braciere e muore

 

Muore, all’età di novantadue anni, in via Agnone Maggiore. Tragica morte ieri sera, a ora di cena, intorno alle 19.30, per l’anziana Concetta Savona, residente alla periferia di Sora. La donna, come sembrerebbe da una prima ricostruzione dei fatti, sarebbe stata vittima di un incidente domestico. Sembrerebbe che sia caduta battendo la testa sul braciere che era nel camino acceso a causa delle basse temperature di questi giorni. Nella stradina interna del quartiere Agnone Maggiore è giunta l’ambulanza con gli operatori del 118 che hanno tentato di salvare la donna, ma per l’anziana non c’è stato nulla da fare. Sul posto, nella stradina sterrata, ad arrivare a lampeggianti accesi, anche una pattuglia della polizia di Stato.

Gli agenti, che rispondono agli ordini del dirigente Paolo Gennaccaro, hanno raccolto testimonianze tra i parenti e i vicini di casa per ricostruire la dinamica dell’incidente e gli ultimi minuti di vita della novantaduenne che abitava con i parenti.
La salma è stata portata all’obitorio di Cassino. Si dovrà capire se a causare il decesso sia stato un malore o la caduta sul camino acceso. Un fine giornata triste per chi conosce la famiglia Savona.

«È stata una brutta notizia ha detto una vicina di casa. L’età era avanzata e gli acciacchi si facevano sentire anche per la signora Concetta, ma una morte così improvvisa non può che lasciare tanta tristezza – ha aggiunto la donna. È stato un vero dispiacere per noi vicini di casa perché qui ci conosciamo tutti da sempre e tra di noi, in molti casi, ci sono anche legami di parentela – ha concluso. Attendiamo la data dei funerali per stringerci attorno alla famiglia Savona che ha perso, in modo così tragico, la signora Concetta. A tutti i parenti vanno le nostre condoglianze». Purtroppo non è il primo caso di anziani che vicino al focolare trovano la morte per le più disparate ragioni, ma molto spesso è l’equilibrio a mancare e a provocare rovinose cadute.