Sei in: Home > Edizioni Locali > Toscana: allarme mafia

Toscana: allarme mafia

image_pdfimage_print

Il deputato di FdI Patrizio La Pietra ha presentato un’interrogazione al ministro dell’Interno Lamorgese, con lo scopo di “comprendere quali interventi urgenti intenda adottare per fronteggiare questa pericolosa deriva”.

Dopo la denuncia al presidente dell’associazione Borsellino Cesare Sirignano, il deputato di Fratelli d’Italia La Pietra ha presentato un’interrogazione parlamentare al ministro dell’Interno Lamorgese.

“Nonostante il clamore mediatico e la legittima e comprensibile preoccupazione da parte dell’opinione pubblica noi di Fratelli d’Italia non siamo per niente sorpresi, in quanto da tempo segnaliamo e denunciamo alle istituzioni competenti le più svariate situazioni di illegalità diffuse e reiterate da parte di stranieri sul territorio, in particolar modo nigeriani e cinesi. Il tutto a scapito dei cittadini onesti, del fisco, della sicurezza e della legalità.

Auspichiamo dunque che il ministro adotti al più presto un piano straordinario per il contrasto di questo fenomeno”.

In seguito a una dichiarazione di Calleri, secondo cui “il triangolo Firenze, Prato e Osmannoro” sarebbe, per la mafia cinese, “quello che Corleone era per la mafia siciliana”, La Pietra ha dichiarato che: “In tale contesto registriamo la recente dichiarazione del sindaco di Prato, che di fatto ha manifestato perplessità per la qualificazione del fenomeno come “mafioso”, evidentemente disconoscendo i dati che ormai da anni emergono dall’attività svolta e dei risultati conseguiti dalla Direzione investigativa antimafia, risultati che il ministero semestralmente trasmette al parlamento”.