ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
martedì 28 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Terziario: performance Fvg sopra la media italiana

Mai come oggi il sistema turismo del Fvg traina l’indotto

Udine, 26 mag – Pur in una situazione di oggettiva difficoltà,
la performance del tessuto economico del Fvg è migliore rispetto
alle altre regioni d’Italia: il dato dei ricavi del primo
trimestre del 2022, infatti, si attesta al di sopra della media
nazionale. Nonostante il rialzo dei prezzi delle materie prime e
dell’energia, le imprese del commercio, del turismo e dei servizi
del Friuli Venezia Giulia non intendono ridurre gli investimenti
programmati. Tiene anche l’occupazione, a testimonianza della
straordinaria resilienza del tessuto economico regionale.

Lo ha comunicato l’assessore regionale alle Attività produttive e
Turismo, commentando i dati dell’Osservatorio congiunturale
Confcommercio Friuli Venezia Giulia relativamente al primo
trimestre 2022, presentati questa mattina a Udine.

Secondo le elaborazioni di Format Research, l’indicatore dei
ricavi delle imprese per i primi tre mesi dell’anno resta stabile
(44), ben al di sopra della media italiana (39) e dovrebbe
mantenersi stabile anche per il secondo trimestre del 2022.

Merito anche del ruolo trainante che il turismo sta assumendo
nella nostra Regione. L’esponente della Giunta ha sottolineato il
cambio di passo del turismo: se in passato il settore dipendeva
da due soli periodi dell’anno e due luoghi, ovvero dalle vacanze
invernali in montagna ed estive al mare, oggi il turismo è
diventato un vero e proprio sistema che interessa tutti i dodici
mesi e tutti i luoghi del Friuli Venezia Giulia, con effetti
importanti sull’indotto (dall’agricoltura al terziario) e la
tenuta occupazionale.

L’assessore ha anche ricordato la costante vicinanza della Giunta
al mondo dell’impresa. Con l’assestamento di bilancio di luglio,
la Regione metterà in campo oltre 40 milioni di euro a sostegno
delle micro, piccole e medie imprese, per aiutarle a far fronte
alla situazione di difficoltà che stanno vivendo, causata
dall’aumento del costo delle materie prime e dell’energia e dalla
crisi internazionale determinata dal conflitto in Ucraina.

L’esponente dell’Esecutivo ha ricordato come le misure adottate
per il mondo imprenditoriale del Friuli Venezia Giulia trovino
un’efficace applicazione e abbiamo l’effetto di creare feedback
positivi perché “modellate” sulle reali necessità delle attività
produttive. Tutto questo anche grazie a un continuo e
imprescindibile confronto tra la Regione, il tessuto economico
del Fvg e le associazioni di categoria: una dialettica costante
che, come nei momenti più duri della pandemia, anche oggi
permette di intervenire con linee contributive e azioni di reale
impatto, capaci di sostenere concretamente il mondo produttivo
della nostra regione.
ARC/PT/pph