Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Sardinia Memory Project, la cultura che unisce Sardegna, Cina e Giappone

Sardinia Memory Project, la cultura che unisce Sardegna, Cina e Giappone

La Sardegna abbraccia la cultura orientale con il progetto “Sardinia Memory Project”, curato dal Teatro Actores Alidos, per creare un nesso con Cina e Giappone.

Il progetto “Sardinia Memory Project” vuole promuovere la tradizione e le radici culturali del popolo sardo, legandolo culturalmente alle culture di Cina e Giappone. Si tratta di un’iniziativa volta a favorire l’internazionalizzazione di beni, servizi e prodotti culturali dell’Isola nei mercati esteri. Il “Sardinia Memory Project” è un progetto curato dal Teatro Actores Alidos, che aveva vinto il bando Por “IdentityLab”, indetto dalla Regione per creare un ponte culturale tra la Sardegna e la scena internazionale. L’iniziativa si sviluppa in due fasi. La prima consiste in un tour dell’Isola dal 26 agosto al 2 settembre. Saranno a Nuoro, Barumini, Samugheo, Ales, Mogoro, Tharros e al museo dei Giganti di Mont’e Prama, per incontrare professionisti cinesi e giapponesi operanti nei settori culturali e turistici, interessati ad approfondire le relazioni con la Sardegna.

La seconda fase prenderà forma il prossimo ottobre, quando la compagnia ddegli Actores Alidos andrà a Tokyo, Osaka, Pechino e infine Hong Kong per una tournée. “In ogni tappa si svolgerà il ‘Sardinia Memory Day’, una giornata dedicata alla valorizzazione del patrimonio culturale sardo che prevede il concerto-spettacolo di musica tradizionale ‘Galanìas’ (bellezze, preziosità) arricchito da azioni sceniche ispirate allo spettacolo ‘Paristoria’ oltre a conferenze, dimostrazioni sull’uso degli strumenti etnici, proiezioni di immagini e video sulle bellezze naturali, architettoniche, archeologiche, manufatti artigianali, prodotti tipici della nostra isola”, ha spiegato il regista e fondatore della compagnia, Gianfranco Angei. “Lo scopo è anche dare visibilità e promuovere la produttività delle aziende sarde”.