Sei in: Home > Edizioni Locali > Campobasso > Salute, l’ipertensione ‘desincronizza’ il cervello

Salute, l’ipertensione ‘desincronizza’ il cervello

 

In alcuni pazienti affetti da ipertensione arteriosa il danno alle strutture nervose inizia prima che siano comparsi segni clinici di deterioramento cognitivo o che la risonanza magnetica tradizionale possa identificare alterazioni evidenti a carico del cervello. Una ricerca del Dipartimento di Angiocardioneurologia e Medicina Traslazionale dell’Irccs Neuromed di Pozzilli evidenzia come sia possibile individuare precocemente le alterazioni nervose che potranno portare alla demenza vascolare. Lo studio ha utilizzato la risonanza magnetica funzionale a riposo, o ‘resting-state fMRI’, che, eseguita su una persona completamente a riposo, permette di evidenziare le attivazioni neuronali nel tempo, cioè i pattern di attivazione dei network attraverso i quali le diverse aree cerebrali scambiano informazioni e si coordinano.
“Studiando 19 pazienti ipertesi, confrontandoli con 18 soggetti non affetti da questa condizione – spiega Lorenzo Carnevale, primo firmatario del lavoro scientifico – abbiamo potuto vedere una serie di alterazioni in alcuni network cerebrali, in particolare quelli che rispondono agli stimoli visivi, decidono la risposta a questi stimoli e quindi la eseguono. Funzioni che richiedono una stretta sincronizzazione, che negli ipertesi appare disturbata”.