Sei in: Home > Edizioni Locali > Roma, Panico sotto la metro Barberini: crolla il gradino della scala mobile. Chiusa la stazione

Roma, Panico sotto la metro Barberini: crolla il gradino della scala mobile. Chiusa la stazione

L’ultimo gradino di una delle scale mobili si è accartocciato su se stesso e si è sollevato

 

 

Non c’è davvero pace per i pendolari romani, che ogni mattina sono costretti a districarsi tra metro chiuse ed autobus in fiamme. Questa volta i passeggeri della metro A, nella stazione Barberini, si sono presi un bello spavento a causa di un gradino di una delle scale mobili che si è accartocciato su se stesso e si è sollevato. “E’ uno schifo, una vergogna – documenta il giornalista Carnevali che era sul posto al momento dell’incidente – Mi trovavo a pochissimi gradini dalla fine della scala mobile quando all’improvviso uno scossone forte ha fatto accartocciare l’ultimo gradino col rischio di tranciare una gamba a qualcuno. Alcuni sono caduti in terra proprio per evitare che il gradino tranciasse la gamba. Uno scandalo vero. Sono accorse subito le persone della sicurezza. Non volevano nemmeno che facessi foto e video”.

Grande spavento tra i presenti, ma non si segnalano feriti. Ci sono invece ripercussioni per il trasporto pubblico, dato che la stazione Barberini è stata immediatamente chiusa. «Metro A: stazione Barberini temporaneamente chiusa; treni transitano senza fermare (intervento tecnico). Utilizzabile la vicina stazione Spagna» ha annunciato con un tweet ‘Infoatac’.

«C’è stata la rottura di un gradino delle scale mobili. Abbiamo visionato, sia con Metro Roma, che è l’azienda che si occupa della manutenzione effettiva di queste scale mobili, sia con Atac, tutta la situazione delle scale mobili della stazione. Vogliamo andare a fondo a questa vicenda e monitoreremo passo dopo passo tutte le attività poste in essere dall’azienda Metro Roma e da Atac. Il nostro obiettivo è ridare il servizio ai cittadini nel più breve tempo possibile». Così l’assessore alla Mobilità di Roma Linda Meleo dopo il sopralluogo alla metro Barberini.