ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Roma, attività di controllo straordinario del territorio ferroviario

Lo scorso 21 febbraio, nell’ambito di un programma su scala nazionale coordinato dal  Servizio Polizia Ferroviaria ed incentrato sul rafforzamento delle attività di controllo straordinario del “ territorio ferroviario”, il Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio ha attuato un dispositivo inteso ad accrescere la percezione di sicurezza da parte dei cittadini che si servono del vettore ferroviario per attendere ai loro spostamenti sia per lavoro che per turismo, incrementando ulteriormente l’attività di vigilanza, di osservazione e di controllo.

Tali controlli, per i quali nello scalo di Roma Termini è stato previsto anche l’utilizzo dei cinofili della Polizia di Stato, hanno riguardato complessivamente 50 scali FS del Lazio con l’impiego di 162 operatori della Polizia Ferroviaria.

I controlli eseguiti hanno permesso, oltre che all’identificazione di 1137 persone, anche l’arresto di tre persone ad opera di tre diverse articolazioni del Compartimento.

Nella stazione ferroviaria “Roma Gemelli” una pattuglia del Posto di Polizia Ferroviaria di Roma San Pietro ha catturato un borseggiatore straniero che aveva scelto come preda una signora in transito nello scalo.

L’uomo, però,  non aveva fatto i conti con la caparbietà della donna che, una volta accortasi di aver subito il furto del proprio portafoglio, rincorreva il ladro richiamando l’attenzione della pattuglia della Polizia Ferroviaria, lì presente che, dopo aver individuato tra la folla l’autore del furto, lo fermava e lo traeva in arresto nella flagranza del reato di furto aggravato.

L’arresto veniva convalidato dall’Autorità Giudiziaria ed il Questore di Roma emetteva nei suoi confronti un ordine di allontanamento dal territorio nazionale.

Un episodio che ha visto quali protagonisti i componenti della Squadra di Polizia Giudiziaria Compartimentale è accaduto nella tarda serata del 21 febbraio quando una pattuglia in servizio in Roma Termini notava due giovani nordafricani che osservavano con interesse una giovane turista con dei bagagli che stava entrando in un esercizio commerciale per la vendita di cibo, sito sul marciapiede opposto all’uscita della stazione posta in via Giolitti.

La pattuglia decideva quindi di seguire con discrezione i due sospetti ed infatti l’attività di pedinamento dava i suoi frutti dato che uno di essi si posizionava appena fuori dell’esercizio commerciale con funzioni di “palo” mentre l’altro entrava fulmineamente in azione sottraendo uno dei bagagli alla ragazza che, nel frattempo, si era seduta per consumare il pasto.

Gli Agenti, quindi, entravano in azione inseguendo i due che, resisi conto della presenza della Polizia, si erano dati a precipitosa fuga; gli operatori riuscivano a bloccare l’autore materiale del furto mentre l’altro uomo riusciva dileguarsi.

La refurtiva recuperata veniva restituita alla legittima proprietaria; l’autore del furto, sottoposto a rito diretto da parte del Tribunale di Roma, veniva condannato a otto mesi di reclusione e disposto il divieto di dimora a Roma.

L’ultimo episodio è avvenuto nello scalo ferroviario di Roma Tiburtina dove il personale della locale Sottosezione Polizia Ferroviaria, impegnato di pattuglia, fermava una donna di origini nordafricana autrice di un furto a danno di un esercizio commerciale sito in stazione.

Dall’approfondimento sull’identità personale della donna fermata emergeva che a suo carico era pendente un mandato di arresto internazionale emesso dall’Autorità Giudiziaria del Portogallo; la donna, quindi, veniva denunciata per il furto commesso, arrestata in forza del provvedimento internazionale e posta a disposizione della competente Autorità Giudiziaria italiana.