Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ambiente > RoBOTL, il gigante della sostenibilità veglia su Milano

RoBOTL, il gigante della sostenibilità veglia su Milano

In Piazza XXV Aprile è sorto in tutta la sua imponenza RoBOLT, il supereroe fatto interamente di materiali riciclati.

Una struttura imponente, che sovrasta con i suoi sei metri d’altezza, spuntata in Piazza XXV Aprile per il FuoriSalone. Realizzato da Timberland in collaborazione con lo studio Giò Forma, rinomato studio internazionale composto da numerosi artisti e guidato da Cristiana Picco, Florian Boje e Claudio Santucci, RoBOLT vuole essere un grande gigante gentile. Il suo superpotere? La sostenibilità. RoBOLT è fatto interamente di materiali riciclabili e smaltibili, recuperati tramite l’associazione Re Mida, dedita proprio al recupero e al riuso creativo di materiali di scarto. Il nome di RoBolt rimanda a Rebotl, la nuova collezione footwear brevettata di Timberland.

RoBOLT veglierà sulla piazza milanese fino al 14 aprile. È composto soprattutto da bottiglie di plastica: solo per realizzare la superficie ne sono servite più di 8mila. Il resto è stato composto con materiali provenienti dall’industria del design. Accanto al paladino della sostenibilità è stata installata una Recycling station, a cui ha collaborato anche Precious Plastic, una community globale nata nel 2013 con l’impegno di trovare soluzioni innovative contro l’inquinamento causato dalla plastica. Macchinari, un tritatore e una pressa, permettono di partecipare a workshop educativi sui meccanismi del riciclo, e creare dei portachiavi. Un esempio di come il lavoro di squadra tra diverse realtà può permettere la diffusione di un messaggio, attraverso il mezzo più antico del mondo: l’arte.