ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
martedì 27 Settembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Presentato PIANO INTEGRATO URBANO (PIU) “METROPOLI APERTA, CITTÀ PER TUTTI”. Gli interventi previsti per la Città di Palermo

Notizie (data pubblicazione 23 Marzo 2022)

Nell’ambito della conferenza stampa che si è tenuta oggi a Palazzo Comitini per la presentazione del  PIANO INTEGRATO URBANO (PIU)  “Palermo: Metropoli aperta, città per tutti”, che prevede ben 57 interventi per un importo complessivo di 198 milioni di euro, provenienti dal PNRR, sono stati illustrati anche gli interventi che riguarderanno la Città di Palermo.

Nello specifico, per i primi cinque progetti il soggetto attuatore sarà il Comune di Palermo, per gli ultimi due la Città Metropolitana:

– Progetto di completamento del prolungamento della via di penetrazione della zona industriale Brancaccio e raccordo per la circonvallazione esterna – stralcio SUD € 4.999.827,00;
– Riqualificazione ecosostenibile del Lungomare della Bandita € 12.015.209,17;
– Realizzazione di un Parco a mare allo Sperone € 16.129.859,83;
– Realizzazione di interventi di Verde Urbano nella zona Oreto – Laudicina € 894.487,35;
– Riqualificazione del porto della Bandita ed aree portuali € 13.730.531,00;
– Progetto di riqualificazione e riuso dell’immobile denominato “Palazzetto Orlando”, sito in Palermo, Corso Calatafimi per l’utilizzo come Centro polifunzionale a servizio delle Istituzioni scolastiche e del territorio € 4.324.000,00;
– Progetto per la riqualificazione e trasformazione in campus scolastico polivalente ad indirizzo turistico alberghiero del complesso immobiliare sito in Palermo in via Ugo La Malfa, bene confiscato alla criminalità organizzata € 25.676.000,00.

“Questi interventi – ha dichiarato il sindaco Leoluca Orlando – rappresentano il futuro della città di Palermo e sono il segno della capacità da parte dell’amministrazione comunale di investire al meglio le risorse del Pnrr puntando ad una riqualificazione urbana che guarda anche alla sfera sociale. Il piano esalta, infatti, il diritto alla città e credo sia questo il senso profondo degli interventi previsti: restituire ai cittadini luoghi di Palermo con l’obiettivo di rafforzare lo spirito di comunità nel solco di una vivibilità che utilizza al meglio queste prime risorse”.