Sei in: Home > Edizioni Locali > Prescrizione, ministre renziane pronte a disertare Cdm. Conte: non accetto ricatti

Prescrizione, ministre renziane pronte a disertare Cdm. Conte: non accetto ricatti

image_pdfimage_print

 Sono arrivati ai ferri corti, Matteo Renzi e il presidente del consiglio, Giuseppe Conte. Il premier è molto seccato dal fatto che le ministre di Italia Viva abbiano annunciato di non sedersi, stasera, 13 febbraio, in consiglio dei ministri. E afferma: «Il non sedersi al tavolo quando si ha un incarico istituzionale non sarebbe un fatto da trascurare, lo riterrei ingiustificabile».

Conte ha parlato  a margine della sua partecipazione all’Ucid rispondendo a chi gli chiede della possibile assenza di Iv al Cdm. «Credo che Iv debba darci un chiarimento, non al sottoscritto ma agli italiani», precisa Conte, definendo «surreale, paradossale», l’atteggiamento di Iv. Atteggiamento che, sottolinea, «ci si aspetterebbe da un partito di opposizione che fa un’opposizione aggressiva e anche un po’ maleducata». «Secondo voi è pensabile che un presidente del Consiglio che siede in una maggioranza si metta a cercarne un’altra? Questo non sono io», precisa il premier.