Breaking News Streaming
Sei in: Home > Articoli > Ambiente > Potenza inaugura politica di “Tolleranza Zero” per i rifiuti

Potenza inaugura politica di “Tolleranza Zero” per i rifiuti

“Rifiuti, tolleranza zero”, è lo slogan che inaugura i nuovi provvedimenti dell’amministrazione potentina che stringono sui reati ambientali.

Dalla prossima settimana scatteranno i provvedimenti ideati dall’Amministrazione del Comune di Potenza per intensificare i controlli sui rifiuti: scatta la politica “Rifiuti, tolleranza zero”, che in sindaco ha presentato durante una conferenza stampa nella sala dell’Arco del Palazzo di Città, alla presenza dell’assessore all’Ambiente Alessandro Galella, dell’Amministratore unico di Acta Roberto Spera, del comandante della Polizia locale Anna Bellobuono e del maggiore Vincenzo Manzo. Tra i principali provvedimenti illustrati durante la presentazione ci sono: delle sanzioni amministrative da 50 euro; denunce penali per reati ambientali; un controllo h24 attraverso le oltre 100 telecamere installate in prossimità di cassonetti; agenti che pattuglieranno attentamente il territorio, anche in borghese; form su internet per segnalare comportamenti illeciti; e altri accorgimenti per “il mantenimento del decoro pubblico e la cura dell’ambiente”, spiega una nota del comune.

“Ci troviamo di fronte a una sfida importante e per la quale la collaborazione dei cittadini resta elemento indispensabile” ha detto l’assessore Galella. “Il non rispetto di norme regolamentari e comportamentali rischia di inficiare l’attenzione che la maggior parte dei cittadini pone nel conferimento corretto dei rifiuti. Chi abbandona indiscriminatamente l’immondizia che produce fa un danno a tutta la comunità, compreso ai propri figli, costringendo tutti, autore del comportamento illecito compreso, a subirne le conseguenze in primis in termini di inquinamento, oggi e in futuro, e anche per quanto attiene ai maggiori costi che tali irregolarità producono, facendo sì che a pagarle siano tutti”. Garantito anche il massimo impegno delle forze di Polizia, a cui saranno richiesti servizi appositi che, insieme a quelli svolti dagli ispettori ambientali Acta, saranno finalizzati alla prevenzione e repressione dei comportamenti scorretti.