ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
sabato 25 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Pesca e acquacoltura, la Sardegna al Seafood Expo Global di Barcellona. L’Assessore Murgia: “Valorizzare l’offerta per favorire lo sviluppo di un comparto con ampi margini di crescita”

Cagliari, 28 aprile 2022 – La Regione Sardegna partecipa in questi giorni all’importante vetrina del Seafood Expo Global in corso di svolgimento a Barcellona. “Grazie alla disponibilità di uno stand condiviso con le Regioni Calabria, Toscana, Campania, Emilia Romagna e Puglia, messo a disposizione dal Ministero delle Politiche agricole – fa sapere l’assessore regionale dell’Agricoltura, Gabriella Murgia – l’Assessorato ha potuto assicurare la propria presenza istituzionale nella più importante manifestazione internazionale del settore della pesca e dell’acquacoltura che rappresenta una grande occasione di incontro tra amministrazioni e operatori del comparto ittico provenienti da tutto il mondo”.

La partecipazione della Sardegna è stata arricchita dalla presenza di alcune cooperative regionali con cui sono stati concordati eventi e iniziative promozionali sulle nostre produzioni tipiche. Particolare apprezzamento ha riscosso un’iniziativa finalizzata alla promozione della bottarga sarda che ha suscitato l’interesse di operatori del settore della ristorazione e del commercio di prodotti ittici.

È stata anche l’occasione, con un evento organizzato dalla Regione Sardegna e dalla Regione Toscana, per confrontarsi sullo stato di attuazione del Programma europeo finanziato dal Feamp, il Fondo europeo per la politica marittima, della pesca e dell’acquacoltura, arrivato al suo ultimo anno di attuazione, e sul prossimo ciclo di programmazione in fase di avvio.

“La partecipazione della Regione al Sea Food – conclude l’assessore Murgia – si inserisce in un più ampio quadro di interventi della Regione che mirano a promuovere e valorizzare la nostra offerta ittica, con l’obiettivo di favorire lo sviluppo di un comparto economico che in Sardegna ha ancora ampi margini di crescita”.