ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 26 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Perché conviene chiedere un prestito con la cessione del quinto

Ci sono tante buone ragioni per chiedere un prestito con la cessione del quinto e oggi vedremo quali sono. Innanzitutto è importante sapere che questo prestito non è finalizzato e quindi non prevede intermediari tra finanziaria e debitore. In altre parole, la somma erogata andrà direttamente sul conto corrente del richiedente in modo tale che possa usarla, in tempi molto rapidi, per far fronte alle proprie spese private.

Perché la cessione del quinto è considerata così conveniente?

Ciò che rende così popolare la cessione del quinto, in realtà, è la modalità di restituzione dell’importo ricevuto che, difatti, passa attraverso una trattenuta in busta paga. Questa non supererà mai un quinto del netto percepito, come stabilito dalla legge, motivo per cui ogni lavoratore potrà beneficiare di una condizione agevolata che gli consenta di restituire quanto dovuto senza difficoltà. Quando richiedi online un preventivo cessione del quinto, infatti, ti viene chiesto a quanto ammonta il tuo stipendio e qual è la cifra che intendi richiedere per effettuare il calcolo che determinerà l’importo della trattenuta.

Quali sono i vantaggi effettivi?

Questa è la principale motivazione che rende estremamente conveniente il prestito tramite cessione del quinto, un finanziamento che ci libera dal pensiero della restituzione della somma ricevuta tramite le scadenze mensili a cui far fronte. Difatti è il datore di lavoro ad essere coinvolto in questa transazione che destinerà un quinto dello stipendio netto alla finanziaria e ciò che resta sul tuo conto corrente.

Inoltre il prestito tramite cessione del quinto è sempre garantito da una polizza assicurativa obbligatoria necessaria a coprire i casi di morte, grave impedimento o perdita del posto di lavoro.

È ovvio che se stai per andare in pensione o se non hai un contratto a tempo indeterminato la finanziaria potrebbe rifiutare la richiesta del prestito. Tuttavia ci sono anche possibilità per pensionati e precari che dipendono per lo più dalla somma richiesta e, quindi, dal numero di rate che verranno determinate per la restituzione.

La durata e l’importo delle rate

Devi anche sapere che la cessione del quinto prevede un numero massimo di 120 rate, motivo per cui è possibile chiedere anche cifre piuttosto elevate qualora il nostro stipendio ci permetta di restituirle in 10 anni senza superare un quinto del netto percepito. Per questa ragione la cessione del quinto, ad oggi, risulta essere la forma più interessante di prestito sia per piccole spese improvvise che per investimenti più corposi.

Anche i pensionati possono accedere alla cessione del quinto con una modalità in tutto e per tutto simile a quella dei lavoratori. In questo caso, tuttavia, la somma trattenuta proverrà dal libretto della pensione in convenzione con l’istituto di previdenza sociale. Anche in questo caso è possibile beneficiare di tassi vantaggiosi, motivo per cui la cessione del quinto risulta essere il prestito non finalizzato più diffuso nel nostro Paese. Dopotutto è rapido nell’erogazione e sicuro nell’estinzione, oltre a preservarci dal rischio di pagare in ritardo una rata perché tutto avviene in modalità automatica.