ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
giovedì 18 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Palermo ai vertici bassi della classifica per la raccolta differenziata con il 17,4%

Palermo impara – lentamente – a differenziare i rifiuti, ma non basta per recuperare il gap con il resto d’Italia. E’ quanto emerge dal Rapporto Rifiuti Urbani Ispra (Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale) 2020. La città più virtuosa è Treviso che raggiunge l’86,9%, seguita da Ferrara con l’85,9% e Pordenone con 85,5%. Inchiodate al fondo della classifica Messina con il 18,8% e Palermo con il 17,4%. Guardando alla Città metropolitana nel suo complesso, quella di Palermo in un anno ha registrato un incremento di 9,1 punti passando dal 19,9% del 2018 al 29% del 2019 ma, come messo nero su bianco dall’Ispra, non basta e resta fanalino di coda in Italia. (Al primo posto sempre Treviso).

La raccolta differenziata in Italia

A livello nazionale tra il 2018 e il 2019 c’è stato un incremento della raccolta differenziata pari a 3,1 punti rispetto raggiungendo il 61,3% della produzione nazionale; dal 2008 la percentuale risulta raddoppiata. La raccolta passa da circa 9,9 milioni di tonnellate a 18,5 milioni di tonnellate.