Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Officina Italia, ‘L’Aquila Rinasce’ due giorni di formazione

Officina Italia, ‘L’Aquila Rinasce’ due giorni di formazione

 

“L’Aquila rinasce: storia, recovery plan, futuro”, incontro di formazione per gli ordini professionali e divulgazione delle buone pratiche di ricostruzione a Palazzo dell’Emiciclo all’Aquila, 2 e 3 luglio.
Quattro convegni, una mostra e una multivisione che rimarranno allestite dal 2 al 18 di luglio.

Officina Italia è un’iniziativa promossa da Carsa e Fondazione Symbola che, sull’esperienza decennale maturata nelle ricostruzioni dell’Appennino centrale prima con ‘Officina L’Aquila’ per il sisma del 2009 e poi con ‘Ricostruire il Piceno, riabitare l’Appennino’ per il sisma 2016/2017, affronta il tema di un rapporto più equilibrato e sostenibile tra le aree urbane, più densamente popolate, e quelle investite da processi di declino demografico, economico e sociale.
“Un rapporto dialettico per superare la dicotomia che si è imposta in questi anni tra aree metropolitane e interne – ha detto Roberto Di Vincenzo, presidente di Carsa e coordinatore generale Officina Italia – Il tema è rendere le città più abitabili e i territori più abitati, affinché questi ultimi non vengano percepiti come aree di esondazione delle contraddizioni delle aree urbane, più densamente popolate, ma diventino le aree del buon vivere”.
Il programma: venerdì 2 luglio ore 10 Inaugurazione della mostra “L’Aquila rinasce” e della Multivisione che racconta i dodici anni passati dal sisma del 2009 e di come la città capoluogo d’Abruzzo sia riuscita a rinascere. A seguire i convegni: ore 11.30 “L’Aquila rinasce” che racconterà il processo di ricostruzione con la voce di alcuni dei protagonisti. Ore 15 “Appennino, ritorno al futuro”. Sabato 3 luglio due appuntamenti ore 9:30 “Recovery Plan, Piano Nazionale di Ripresa e di Resilienza” e ore 11:30 “Officina Italia.
Ricostruzione, comunità, buon vivere”. La manifestazione si svolgerà in presenza e on line sui canali social @officinaitalia23 e YouTube.