ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 26 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

No alla giungla dei subappalti! A San Pietro in Casale le lavoratrici e i lavoratori di Call Direction scioperano per una filiera pulita dei call center

San Pietro in Casale (BO) – Si è svolto oggi, 14 giugno 2021, con un’adesione totale lo sciopero delle lavoratrici e dei lavoratori di Call Direction. La vertenza occupazionale del piccolo call center, che ha perso in due anni il 60% dei dipendenti, si inserisce a pieno titolo nella mobilitazione nazionale di CGIL, CISL e UIL sugli appalti.

A San Pietro, infatti, Call Direction gestisce, tramite la ditta subappaltatrice Gap di Trieste, il servizio clienti di un fondo sanitario di San Paolo RBM. Ma essendo l’unica sede di Call Direction sindacalizzata e contrattualizzata con un CCNL dei sindacati confederali, da un anno viene svuotato di lavoro dal subappaltante, che dirotta le chiamate su altri centri con contratti meno costosi – e probabilmente anche all’estero. Le conseguenze sono state: contratti a termine non rinnovati, un utilizzo continuo di FIS “Covid” (senza accordo con il sindacato) nonostante i volumi di lavoro non siano calati e al solo scopo di tagliare i costi, e uno stato di agitazione in vista della fine del blocco dei licenziamenti.

“Da più di un anno, da prima della pandemia, stiamo chiedendo che la filiera del servizio di assistenza degli utenti del fondo SanPaolo RBM gestito da Call Direction sia chiara, trasparente, nella cornice della contrattazione nazionale confederale e delle leggi che normano l’offshoring dei call center all’estero” spiega il funzionario di SLC-CGIL Luca Barbuto.

“Siamo stanche del FIS, non è possibile stare in cassa integrazione da un anno e vedere che ci sono 50 chiamate in coda” dice Ida Malaguti, RSU di SlC-CGIL, unico sindacato presente in azienda. “Ci dispiace anche per gli assistiti, che lamentano lunghe attese e un servizio scadente di cui non siamo responsabili. Eravamo in 43 nella vecchia sede di Funo. Ora ci siamo trasferite a San Pietro ma siamo rimaste in 15, quasi tutte donne a part-time. Ma è chiaro che se non fossimo state stabilizzate a tempo indeterminato grazie a una vertenza sindacale di due anni fa anche noi saremmo a casa.”

Le lavoratrici e i lavoratori vivono il paradosso di essere a rischio per il solo fatto di essere l’unica sede di Call Direction ad adottare un contratto nazionale dignitoso, benchè su un livello inquadramentale minimo da rivedere urgentemente” conclude Barbuto.

Lo sciopero di oggi ha come obiettivo anche la regolarizzazione delle altre sedi di Call Direction, perché se il lavoro è dignitoso in tutte le sedi ci guadagnano tutti, compresi gli utenti del fondo sanitario.