Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Milano si veste di rosso e dice no a razzismo e intolleranza

Milano si veste di rosso e dice no a razzismo e intolleranza

Questa domenica a Milano migliaia di persone si sono riunite in piazza Duomo vestite di rosso per dire no a razzismo, antisemitismo, sessismo e intolleranza.

Domenica pomeriggio piazza Duomo a Milano si è vestita di rosso per dire “basta al razzismo e all’intolleranza”. Diverse migliaia di persone si sono riunite con magliette, sciarpe o altri capi d’abbigliamento di colore rosso per aderire alla manifestazione ‘Intolleranza zero. Un segno rosso contro il razzismo’, organizzata da Anpi, Aned e I Sentinelli di Milano. La folla voleva alzare la voce per ribadire i valori di accoglienza e antifascismo, contro le “pulsioni razziste e xenofobe” che si stanno riaffacciando nel panorama italiano.

“Il ministro Salvini, che ha fatto proprio lo slogan di Casa Pound, ‘Prima gli italiani’, si vanta di avere ridotto le domande per il diritto d’asilo previsto nella nostra Costituzione”, ha spiegato il presidente di Anpi Milano, Roberto Cenati. “Mentre nel decreto sicurezza il governo, a trazione salviniana, pone ulteriori restrizioni sulla protezione umanitaria”. Cenati ha aggiunto che da ministro dell’Interno, Salvini “dovrebbe preoccuparsi di combattere chi minaccia veramente la nostra sicurezza, come le mafie”. Sul palco è stato letto ad alta voce un messaggio lasciato dalla senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ai campi di sterminio. Infine, tutta la piazza si è unita al coro della canzone simbolo della resistenza “Bella Ciao”.