ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
lunedì 27 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Milano è memoria. Manifesti dalla Resistenza, alla cittadella degli archivi la prima mostra in collaborazione con ANPI per raccontare il 25 aprile nei decenni

Milano, 15 giugno 2022 – Milano, città Medaglia d’Oro alla Resistenza, raccontata attraverso manifesti, fotografie e documenti che risalgono a quattro decenni del dopoguerra, dal 1945 al 1985.  

Si chiama “In Archivio, ANPI e Cittadella: Manifesti dalla Resistenza” la mostra a cura di Cittadella degli Archivi, Anpi provinciale di Milano, Università degli Studi – Dipartimento di Studi Storici, in collaborazione con Milano è Memoria e Municipio 9, che verrà inaugurata sabato 18 giugno alle ore 18 presso la Cittadella degli Archivi, alla presenza di rappresentanti dell’Amministrazione. 

Il materiale oggetto della mostra – la prima sul tema della Resistenza realizzata alla Cittadella e in collaborazione con ANPI – arriva dal Fondo Manifesti del Polo archivistico del Comune di via Gregorovius 15, che conserva i principali manifesti prodotti dalle Civiche Stamperie e affissi sui muri della città nel corso degli anni. Documenti che consentono di raccontare, per frasi e immagini, la storia di Milano e della sua migliore espressione artistica e culturale, l’evoluzione urbanistica ma anche il carattere di una città di fronte ai momenti più difficili, come la complessità della ricostruzione post-bellica e le inquietudini degli anni di piombo. 

Uno spazio importante sarà dedicato alle celebrazioni del 25aprile, attraverso lettere, fotografie, articoli di giornale e soprattutto manifesti, realizzati in qualche caso da illustratori d’eccezione come Lucio Fontana e il grafico partigiano Albe Steiner.  

Sarà anche visibile il bozzetto per il manifesto della Mostra del 1° e 2° Risorgimento, organizzata nel 1946, proveniente dal patrimonio storico-artistico dell’Anpi milanese.  

La data del 25 aprile, che celebra l’insurrezione su tutto il territorio nazionale dei partigiani contro l’esercito nazista e la Liberazione dell’Italia dal nazifascismo, ha visto accrescere significato e convenzionalità nel tempo attraverso un percorso che può essere raccontato, con dovizia di particolari, grazie ad un importante studio condotto negli archivi comunali.  

“Questa mostra costituisce un evento di grande rilievo in un luogo di straordinaria importanza, come la Cittadella degli Archivi – afferma Roberto Cenati, Presidente ANPI Provinciale di Milano –. Nella mostra sono raccolti documenti sul significato del 25 aprile e sul ruolo svolto da Milano, capitale della Resistenza, nella liberazione dell’Italia dal nazifascismo. Eccezionale fu la capacità di questa città di riprendersi e di ripartire con slancio, dopo le distruzioni provocate dal regime fascista. Lo fece sotto la preziosa guida di Antonio Greppi, primo sindaco della Liberazione”. 

Al termine dell’inaugurazione della mostra, che sarà visitabile gratuitamente fino al 18 ottobre 2022, sarà offerto un concerto per pianoforte e flauto in omaggio al compositore Daniele Maffeis, a cura di William Limonta, con Irene Maggioni ed Elena Algeri.  

La fotografia allegata ritrae un momento del Raduno nazionale della Liberazione a Milano, del 9 maggio 1965. Sulla tribuna delle autorità, eretta sul sagrato della Cattedrale, il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat intento a leggere il suo messaggio agli italiani; fra gli altri si riconoscono il ministro della Difesa Giulio Andreotti, il presidente del Consiglio Aldo Moro, il capo della Polizia Angelo Vicari e il presidente del Senato Cesare Merzagora. 

Immagine 1
Immagine 2