ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 26 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

LAVORO. PLASTIC FORMING SPA – BRENTA PCM SPA DI COLCERESA (VI). REGIONE CONVOCA LE PARTI. ASSESSORE AL LAVORO, “MASSIMO IMPEGNO PER TROVARE SOLUZIONE PRODUTTIVA A GARANZIA DELLA CONTINUITA’”

16 giugno 2022

Comunicato n° 1331

(AVN) – Venezia, 16 giugno 2022

L’Assessore regionale al lavoro, supportata dall’Unità di Crisi regionale, ha convocato per oggi un tavolo relativamente alla situazione della Plastic Forming SpA, attualmente in procedura fallimentare che già aveva affittato il proprio compendio aziendale, comprensivo delle maestranze, alla Brenta PCM SpA. L’azienda, con sede a Colceresa (VI), complessivamente occupa circa 100 lavoratori nella produzione di stampi e stampaggio a iniezione plastica. 

All’incontro sono stati invitati i rappresentanti di FEMCA CISL, FILCTEM CIGL e UILTEC UIL, il curatore fallimentare incaricato dal Tribunale di Vicenza, dr. Domenico De Rosa, i rappresentanti di Workplastics srl, azienda aggiudicataria del compendio della Plastic Forming SpA a seguito dell’espletamento dell’asta fallimentare, a rappresentanza di Brenta PCM e il Sindaco di Colceresa (VI).

“L’obiettivo del tavolo – sottolinea l’Assessore al lavoro della Regione del Veneto – è far sì che tutte le parti, in ottica di massima collaborazione e in accordo, si mobilitino per trovare una soluzione produttiva che garantisca continuità ad un’azienda che è importante per il territorio. Si tratta di lavorare per salvare un’impresa e i suoi lavoratori a partire dall’attività produttiva”.

“Nella consapevolezza che solo una rapida ripresa delle attività produttive possa preservare e valorizzare il patrimonio industriale e di competenze professionali presenti sul sito – sottolinea l’Assessore -, invito tutte le Parti ad adoperarsi in tempi rapidi per garantire il rilancio della produzione e la tutela dei posti di lavoro”.

“La Regione del Veneto – conclude l’Assessore – manterrà l’attività di presidio tecnico del tavolo regionale, valutando l’attivazione, per quanto di competenza, di ogni strumento o iniziativa di supporto utili per la salvaguardia di questa realtà produttiva”.