Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Latina, copiano all’esame di maturità: informativa in Procura

Latina, copiano all’esame di maturità: informativa in Procura

 

Un’informativa su quello che è accaduto in occasione della prova d’esame di matematica al Liceo Scientifico Gb Grassi è stata inviata dalla polizia postale in Procura. La soluzione del compito arrivata ad una studentessa via messaggio sul cellulare che non aveva consegnato alla commissione, adesso è oggetto di una indagine nell’ufficio giudiziario di via Ezio. Il reato ipotizzato al momento contro ignoti è quello che riguarda una legge del 1928 sugli esami e i concorsi e per chi bara in occasione delle prove come quella di maturità, un esame di Stato.
La parola adesso passa alla Procura che delegherà per tutti gli accertamenti necessari gli investigatori della postale che intanto come primo passaggio hanno ricostruito i fatti, a partire dalle modalità con cui la soluzione dell’elaborato è arrivata tra i banchi. Prima dell’esame tutti i ragazzi hanno consegnato i cellulari ma alcuni invece hanno pensato di tenerne uno da dove poi è arrivata la soluzione inviata da un cellulare in uso ad una barista di Priverno.  Le due studentesse intanto sono state escluse dalla prova dopo che sono state trovate con il telefonino dove avevano ricevuto un messaggio sul cellulare con la soluzione.  L’episodio risale al 20 giugno quando alcuni componenti della commissione avvertono chiaramente il segnale di ricezione del messaggio di Whatsapp un telefono che viene preso dal presidente della commissione. Le due ragazze coinvolte nella vicenda hanno proseguito con l’esame ma alla fine sono state escluse dalla prova e tra le ipotesi c’è anche quella di un ricorso al Tar da parte dei genitori. La polizia postale intanto ha finito di ascoltare oltre che i componenti della commissione, tra cui il presidente, anche gli studenti del liceo scientifico Grassi per fare piena luce su quello che è accaduto. Il caso è venuto alla luce il 20 giugno scorso, quando sono stati pubblicati i risultati delle prove scritte in vista degli orali e la lista di una classe che non aveva voti era in bianco.