ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 5 Ottobre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

L’Assessore Regionale al Lavoro del Veneto ha visitato la Tecno Pack di Schio

L’Assessore Regionale al Lavoro del Veneto ha visitato la Tecno Pack di Schio (VI) e incontrato il suo presidente e fondatore Corrado Pozzer. Tecno Pack è un’azienda leader nella progettazione e realizzazione di macchine confezionatrici automatizzate industriali.

Due soci alla guida, Corrado Pozzer (CEO) e Corrado Trentin (presidente), e 16 anni di storia alle spalle, un organico che è cresciuto da 35 a 250 unità: un fatturato che oggi supera i 60 milioni di euro, con quasi l’80% della produzione commissionata da clienti esteri. Tecno Pack, grazie all’altissima qualità dei suoi prodotti e grazie ai livelli di innovazione tecnologia via via introdotti nelle proprie confezionatrici, è annoverato tra i cinque migliori player mondiali nel campo del packaging.

“Una realtà nata a Schio in risposta alle crescenti esigenze di automatizzazione nella filiera dell’agroalimentare veneto ed italiano: hanno scelto di restare a Schio anche quando, di fronte alla necessità di ampliare il loro sito produttivo, avrebbero potuto optare per nuovi lidi – afferma l’Assessore Regionale al Lavoro – un legame fortissimo tra persone e con il territorio contraddistingue, infatti, questa azienda.  Sono rimasta colpita dal notare come il presidente Pozzer conoscesse e salutasse per nome ognuno dei suoi dipendenti, e per la stima con cui ha parlato per tutto il tempo del suo socio, Corrado Trentin”.

“Tecno Pack ha sostenuto negli anni importanti investimenti, che hanno consentito a questa azienda di specializzarsi nella monoporzione: una caratterista che necessita di macchinari operanti ad altissime velocità e con bassissimi margini d’errore” continua l’Assessore regionale.

“Tecno Pack ha saputo brillare anche di fronte alle scelte infelici della politica, come la plastic-tax che sta mettendo in seria difficoltà tutto quel comparto legato alla ‘plastica buona’, quella riciclata e riciclabile, quella che vede nel distretto di Schio una prolifica filiera corta e strettamente connessa – continua l’Assessore regionale, che conclude – a questo si assommano ora gli effetti di questa emergenza coronavirus, che sta causando danni ingenti ed incalcolabili alla nostra economia. Oltre alle misure urgenti che Regione del Veneto ha richiesto in queste ore al governo, penso sia il caso di valutare un definitivo superamento di questa tassa ideologica sulla plastica, che rischia di gravare direttamente ed indirettamente sulle nostre migliori aziende”.