Sei in: Home > Esteri > Americhe > La NASA vuole arrivare su Marte e punta di nuovo alla Luna

La NASA vuole arrivare su Marte e punta di nuovo alla Luna

Commercial Crew Astronauts - Photographer: Robert Markowitz

Gli americani della NASA addestreranno nuovi soldati spaziali – donne e uomini – da mandare sulla Luna, ma l’obiettivo finale è arrivare sul Pianeta Rosso.

La National Aeronautics and Space Administration, conosciuta in tutto il mondo come NASA, è alla ricerca di nuovi astronauti da mandare sulla Luna, e poi su Marte. L’obiettivo è portare un altro uomo e la prima donna sulla Luna entro il 2024: i fortunati selezionati andranno a formare la nuova generazione di Artemis, che prende il nome dal programma della NASA in cui si studiano tecnologie innovative per facilitare i viaggi lunari, e usare quanto appreso per arrivare a Marte.

Per tutto il mese di marzo i cittadini americani potranno mandare la loro candidatura, e poi partirà l’addestramento. Ma i criteri per venire ammessi non lasciano spazio alla fortuna: per essere anche solo candidabili bisogna aver conseguito un master in una disciplina scientifica, oppure due anni di dottorato, aver concluso gli studi in medicina, o avere un brevetto da pilota o mille ore di volo all’attivo. Bisogna essere, ovviamente, cittadini americani, superare una selezione online di oltre due ore, e in seguito l’esame fisico: una vista perfetta da dieci decimi, una pressione sanguigna non eccessivamente alta, e un’altezza compresa tra circa 1,57 e 1,90 metri. Questi sono solo i criteri per essere selezionati nella prima fase, alla quale segue una fase di colloqui e visite mediche, prima di poter ufficialmente entrare nel programma di addestramento (QUI un approfondimento in lingua inglese).

Gli uomini e le donne della NASA sono tornati a lavorare per camminare di nuovo sul suolo lunare, e da lì tendersi fino a Marte. I nuovi arrivati si uniranno ai 48 astronauti già all’attivo, alcuni dei quali partiranno quest’anno verso la Stazione Spaziale Internazionale, con il Pianeta Rosso in testa. Il piano della NASA è instaurare un’esplorazione lunare stabile e sostenibile entro il 2028, raccogliendo sufficienti informazioni e imparando abbastanza da mandare i primi astronauti su Marte a metà dei prossimi anni ’30. 

“Quest’anno celebriamo il nostro ventesimo anno di presenza continua a bordo della Stazione Spaziale Internazionale in orbita terrestre bassa, e stiamo per inviare la prima donna e il prossimo uomo sulla Luna entro il 2024”, ha dichiarato l’amministratore della NASA Jim Bridenstine. “Per la manciata di donne e uomini di grande talento che assumeremo per unirsi ai nostri diversi corpi di astronauti, è un momento incredibile nel volo spaziale umano per essere un astronauta.”

L’ultima selezione dei curricula è stata aperta nel 2017 e ha segnato il record di candidature. La NASA ha dovuto selezionare tra oltre 18 mila candidati, un aumento sorprendente rispetto al massimo registrato di 8 mila nel 1978. I selezionati dell’ultima chiamata sono stati insigniti delle aquile d’argento solo lo scorso 20 gennaio, segno che il loro addestramento è concluso. Quest’anno invece dovremo aspettare fino a metà 2020 per avere i nomi dei prossimi uomini e delle donne che salperanno alla volta dell’universo, faranno tappa sulla Luna e andranno a conquistare Marte.

Di A.C.