Sei in: Home > Edizioni Locali > Milano > La mascherina come mezzo per nascondere la droga: ecco l’ultima trovata di un pusher di Rozzano

La mascherina come mezzo per nascondere la droga: ecco l’ultima trovata di un pusher di Rozzano

Un uomo di 57 anni, un cittadino italiano di Rozzano con numerosi precedenti alle spalle, è stato arrestato domenica mattina a Vellezzo Bellini, nel Pavese, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. A bloccarlo sono stati gli uomini della sezione antidroga, che stavano effettuando una serie di controlli di contrasto allo spaccio. Proprio durante gli appostamenti, i poliziotti hanno notato il 57enne – già noto per i suoi precedenti – mentre a bordo di un’auto si dirigeva verso la frazione di Giovenzano. Gli investigatori hanno così deciso di seguirlo e lo hanno visto entrare e uscire da una villetta per poi risalire in auto e partire.

Considerati i precedenti dell’uomo e insospettiti dal fatto che fosse fuori dalla sua provincia di residenza, gli agenti lo hanno fermato e lo hanno accompagnato in Questura, dove i sospetti si sono rivelati più che fondati. Nella mascherina sistemata al mento, infatti, i poliziotti hanno trovato 11 grammi di cocaina divisi in due involucri, che il pusher stava evidentemente andando a vendere. Nella villetta, invece, nascosti in un mobile della cucina, sono stati sequestrati altri 150 grami di “coca” – che avrebbe fruttato circa 6mila euro – e 600 euro in contanti. Martedì mattina il 57enne è stato processato per direttissima al tribunale di Pavia e ha patteggiato una pena di 5 anni di reclusione.

 
image_pdfimage_print