Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Italia e Tunisia si uniscono nell’arte con la Open Art Week, la settimana d’arte indipendente

Italia e Tunisia si uniscono nell’arte con la Open Art Week, la settimana d’arte indipendente

Il turno perugino della seconda edizione di Open Art Week è giunto al termine. Il 19 ottobre la settimana d’arte contemporanea itinerante si sposterà in Tunisia.

Scambiare esperienze creative tra artisti di Italia e Tunisia, per far nascere collaborazioni che vadano oltre alla performance del singolo evento. È questo il senso di WAO – Open Art Week, progetto ideato dall’associazione Rea in collaborazione con la Fondazione Rambourg in Tunisia, con l’Istituto Italiano di Cultura a Tunisi e con il MoOMA – Museo di Arte Moderna di Odessa, Ucrania, che, dopo una settimana a Perugia dal 5 al 13 ottobre, si sposterà a Tunisi dal 19 al 27 ottobre prossimi, con una tappa in anteprima a Odessa. Open Art Week è una piattaforma internazionale a sostegno delle industrie creative indipendenti. Promosso da REA, ogni anno WAO organizza una settimana d’arte indipendente, fondata sullo scambio – di artisti, attività e produzioni creative – tra spazi d’arte multidisciplinari di differenti città nel mondo.

Lanciato nel 2018 nelle città di Perugia (Italia) e Tunisi (Tunisia), ad oggi WAO ha messo in rete 30 spazi d’arte (cinema, teatri, centri d’arte contemporanea…) attraverso lo scambio di più di 50 creatori e 40 produzioni artistiche. L’iniziativa ha lo scopo di connettere artisti e spazi indipendenti nel mondo attraverso l’organizzazione di una settimana d’arte contemporanea itinerante, ospitata da piattaforme solidali di spazi d’arte che collaborano per scambiarsi creativi e, attraverso essi, promuovere internazionalmente la scena artistica più attuale della propria città e paese.

L’incontro e la collaborazione oltremare sono i temi portanti dell’edizione 2019, realizzati grazie all’organizzazione di oltre 10 residenze, co-produzioni artistiche e formazioni aperte al pubblico e a professionisti. In primo piano, produzioni alternative di musica, cinema, video-art, fotografia, fumetti e arti performative, con una particolare attenzione ai linguaggi urbani più nuovi e a realtà underground under 30.

Open Art Week, con la direzione di Gaia Toschi Italia, gode del patrocinio e il sostegno dell’Ambasciata d’Italia a Tunisi, dell’Ambasciata di Tunisia in Italia, del Comune di Perugia, del Polo Museale dell’Umbria, del Teatro Stabile dell’Umbria; del partenariato di Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria e del Museo Civico Palazzo della Penna. Collaborano, inoltre, anche il Centro Danza Spazio Performativo, Minimetrò, Eventuno, Munus Arts & Culture, PerSo – Perugia Social Film Festiva, Università per Stranieri di Perugia.