Sei in: Home > Edizione Nazionale > Invasione cimice asiatica nel veronese

Invasione cimice asiatica nel veronese

image_pdfimage_print

Sono numerose le segnalazioni che giungono da Marega, un piccolo paese in provincia di Verona, confinante con la provincia di Padova. Un paese di campagna, dove i frutti della terra costituiscono dono prezioso per la popolazione, che da essi trae sostentamento anche economico. Sono varie le colture avviate, ma soprattutto pesche, pere e mele trovano terreno fertile.

Una ricchezza per l’intero territorio e non solo, che rischia di essere messo in serio pericolo e, quindi essere distrutto, dalla presenza della “cimice asiatica”, che ha prodotto più del maltempo abbattutosi su queste zone. Molti frutti sono caduti dall’albero e pochissimi quelli sani sono raccolti.

Questo periodo è molto delicato per le coltivazioni dei frutti, in particolar modo per le mele che stanno maturando, ma sono devastate, le pere invece risultano deformate e le pannocchie del mais sono piene di questi insetti.

Per contrastare questa invasione qualche agricoltore ha messo le reti attorno alle piante da frutto; qualcun altro adotta trattamenti mirati. Ma nessuno riesce nell’intento.

Questo insetto sta distruggendo l’agricoltura locale, mettendo in serie difficoltà i lavoratori, che dopo aver faticato e impegnato soldi nella speranza di salvare parte del raccolto, la vedono totalmente distrutta.

Si ritiene indispensabile un intervento da parte dello Stato, volto a salvaguardare la coltura e il raccolto di un prodotto nostrano tutelato dal marchio DOC, interrompendo questo colpevole silenzio in merito alla questione.