ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 26 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Infrastrutture: Pizzimenti, 7,68 mln per interventi strade regionali

Coinvolte aree interne Dolomiti Friulane, Alta Carnia e Canal del
Ferro-Val Canale

Trieste, 26 mar – La Giunta regionale, su proposta
dell’assessore alle infrastrutture e territorio Graziano
Pizzimenti, ha approvato i piani trasmessi dagli Enti di
decentramento regionale (Edr) di Pordenone e Udine relativi gli
interventi da realizzare sulle strade regionali di interesse
locale (per un totale di 7,68 milioni di euro), come previsto
dalle disposizioni del ministero delle Infrastrutture e della
mobilità sostenibili in merito alle opere complementari al Piano
nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) nell’ambito della
Strategia Aree Interne.

Come ha spiegato l’assessore, si tratta di 7,68 milioni di euro
ripartiti in base a determinati criteri, tra cui la popolazione
residente, le situazioni di dissesto idrogeologico, la lunghezza
delle strade principali e la disponibilità del trasporto pubblico
locale. In particolare sono stati resi disponibili 3,136 mln per
l’area interna ‘Alta Carnia’, 1,814 mln per l’area interna
‘Dolomiti friulane’ e 2,729 per l’area interna ‘Canal del
Ferro-Val Canale’.

Come ha precisato Pizzimenti, le risorse saranno utilizzate per
interventi straordinari di manutenzione della rete viaria al fine
di migliorarne l’accessibilità e la sicurezza.

“I lavori – ha aggiunto l’assessore – saranno attuati
esclusivamente su strade rientranti nella rete regionale di
interesse locale e le cui funzioni di progettazione e
realizzazione in materia di viabilità sono affidate agli Edr
competenti per territorio. Per questo motivo, oltre che con le
Assemblee dei sindaci delle aree interne, gli interventi sono
stati preventivamente condivisi con gli stessi Enti di
decentramento regionale”.

Nel dettaglio della distribuzione degli interventi previsti per
ogni area interna, lo schema è il seguente: ‘Dolomiti friulane’:
comune di Andreis (s.r. Pn 63 ‘di pala Barzana’, messa in
sicurezza) e comune di Tramonti di sotto (s.r. Pn 57 ‘di
Campione’, mitigazione del rischio caduta massi, posa di barriere
e reti, ripristino muri e installazione guardarail); ‘Alta
Carnia’: comune di Sauris (s.r. Ud 73 ‘del Lumiel’, messa in
sicurezza gallerie naturali e nuovo impianto illuminazione),
comune di Ampezzo (s.r. Ud 73 ‘del Lumiel’, consolidamento
ponte), comune di Paularo (s.r. Ud 23 ‘della Val d’Incarojo,
messa sicurezza ponte); ‘Val Canale- Valli del Fella: comuni di
Chiusaforte e Tarvisio (s.r. Ud 76 ‘della Val Raccolana’, reti e
barriere paramassi), comune di Resia (s.r. Ud 42 ‘della Val
Resia’, reti e barriere paramassi), comune di Pontebba (s.r. Ud
110 ‘del Passo Pramollo’, reti e barriere paramassi e messa in
sicurezza).

Al fine di ottenere il finanziamento la Regione trasmetterà a
Roma i piani di intervento affinché il Ministero possa avviare
l’iter per l’autorizzazione prevista entro il 30 giugno di
quest’anno.
ARC/GG