ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
martedì 28 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

In commissione Cultura e Attività Produttive le basi per l’istituzione degli ecomusei e delle denominazioni comunali

Contenuto della Pagina

In commissione Cultura e Attività Produttive le basi per l’istituzione degli ecomusei e delle denominazioni comunali

Confronto in commissione Cultura e Attività Produttive, presieduta da Luigi Carbone, con Vincenzo Peretti, docente della Federico II, per porre le basi per la costituzione di Ecomusei e Denominazione Comunale (De.Co.) sul territorio cittadino. La Denominazione Comunale (De.Co.), istituita con legge regionale n.7/21, può essere adottata con deliberazione di un’amministrazione comunale per promuovere una realtà cittadina, un prodotto, un piatto gastronomico, una competenza, con cui la cultura territoriale si identifica e che ne rappresenta un valore ed una identità.

Si tratta di uno strumento di tutela e promozione, va precisato, che non va a scavalcare altri marchi di tutela nazionali ed europei, come ad es. il DOP o l’IGP. L’Ecomuseo, invece, tutela, restaura e valorizza un territorio caratterizzato da tradizioni o un patrimonio naturalistico e storico-artistico particolarmente rilevante. Attualmente, è in corso in Regione Campania l’iter legislativo per la sua istituzione, con l’obiettivo di farlo diventare uno strumento strategico utile a valorizzare e difendere la cultura del territorio. Per il presidente Carbone, gli strumenti dell’Ecomuseo e della Denominazione Comunale si collocano in uno scenario di collaborazione istituzionale e civile, non vanno contro altre proposte di tutela, come quella del patrimonio Unesco, e rafforzano in maniera netta la promozione dei patrimoni, produzioni e attività imprenditoriali locali. La commissione lavorerà ora ad una bozza di regolamento della materia da condividere con la commissione competente per i regolamenti e, successivamente, con l’assessora alle Attività Produttive Teresa Armato.