Sei in: Home > Edizioni Locali > Il Veneto adotta un piano per combattere la povertà in aumento

Il Veneto adotta un piano per combattere la povertà in aumento

Questo l’obiettivo del confronto promosso dal Tavolo regionale per la lotta alle povertà, Veneto Lavoro, Alleanza contro le povertà, Anci Veneto e gli  amministratori dei 21 ambiti territoriali del Veneto

 

Il numero dei disoccupati in Veneto – calcola il direttore di Veneto Lavoro, Tiziane Barone – è destinato a salire velocemente dai 133 mila di fine dicembre ai 180 mila previsti a fine del primo semestre 2020. Da febbraio ad oggi Veneto Lavoro calcola che si siano persi circa 10 mila contratti a tempo indeterminato e 60 mila contratti a tempo determinato, in particolare tra gli stagionali del turismo, del commercio e servizi, delle costruzioni e tra gli operatori della logistica.

Crescono di pari passo le domande di accesso al reddito di cittadinanza: le 62.245 richieste dei primi di febbraio, registrate in Veneto dall’Osservatorio statistico dell’Inps, sono lievitate alle 66.767 della prima settimana di aprile. Di queste, ne sono state accolte 36.561 (circa il 55%), di cui 2.422 tra febbraio e aprile, con un trend evidente in crescita.

I percettori di reddito di cittadinanza abili al lavoro in Veneto in questo momento sono 20 mila: di questi 7.113 hanno già siglato un patto per il lavoro, 4.295 sono esclusi, 1.695 sono esonerati, 2.511sono in attesa di convocazione da parte dei centri per l’impiego, 818 sono già stati riconvocati.

Dai primi di marzo la Regione Veneto – ricapitola l’assessore – ha anticipato un fondo di emergenza di 9,4 milioni di euro,  potenziando tutte le misure di emergenza già attivate contro la povertà e allargandone l’accesso anche prescindendo dalla dichiarazione Isee: 24 empori della solidarietà, fondo di sostegno per la casa (affitto o mutuo), reddito di inclusione attiva anche in assenza di patto personalizzato, iniziative per i senza fissa dimora e i più indigenti, progetti contro la povertà educativa allargando la fascia dei destinatari, dai 3 ai 17 anni.