ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
lunedì 27 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Il fiume Melfa in secca, il grido d’allarme dei sindaci della zona

Il fiume Melfa in secca, il grido d’allarme dei sindaci della zona

Un incontro dal quale è emersa un’unità d’intenti per risolvere il problema.

09/06/2022 –

La carenza idrica del fiume Melfa ( un affluente del Liri) è stata al centro di un’ audizione in Commissione Agricoltura e Ambiente. I sindaci intervenuti oggi, hanno portato alla luce l’emergenza dovuta alla carenza idrica del fiume Melfa, legata, secondo loro,  principalmente a due ordini di motivazioni: tecniche e giuridiche,  secondo i sindaci, infatti, i disciplinari per il prelievo dell’acqua da parte di  Enel Green Power Italia ( Centro sud)  e Acea Ato 5,  risalgono a una legge del 1956.  Ma sulla seccità, come emergenza globale, si sono soffermati i due responsabili di Enel Green Power ( Area centro Sud) e Acea Ato 5, sebbene si siano detti ben disposti a partecipare a futuri tavoli di concertazione. Per la Regione Lazio, sono intervenuti i dirigenti dell’Area Vigilanza e Bacini idrografici e il dirigente Riserve idriche, da parte loro è stata espressa disponibilità a collaborare al futuro tavolo tecnico per risolvere in tempi brevi la questione.  Nell’ incontro di oggi è emersa la gravità in cui versa il fiume, in alcuni tratti ridotto a petraia, proprio lì dove dovrebbe sorgere il Monumento Naturale del Tracciolino e delle Gole del Melfa, un’area naturalistica molto prestigiosa.  

A chiusura della seduta si è ipotizzato una terza audizione per gli aggiornamenti dopo i lavori del tavolo tecnico. A cura dell’Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio