Sei in: Home > Articoli > Giovani devastati dalla crisi

Giovani devastati dalla crisi

Hanno subito in prima persona il crollo finanziario del 2008 e ora sono di nuovo il gruppo più colpito dalla recessione causata dalla pandemia

 

Il virus ha limitato le aspettative e il futuro di centinaia di migliaia di bambini . Essere giovani, alcuni sostengono, è il momento migliore dell’esistenza. La prosperità del lavoro, la formazione di una casa, l’amore e la delusione, i bambini (chiunque li scelga), imparano, viaggiano, fanno errori, soffrono, si pentono; vita. Circa 6,5 ​​milioni di giovani  (quelli che avevano tra 20 e 29 anni nel 2008 e 32-41 anni nel 2020) potevano ricordare solo i verbi più tristi di quella frase nei prossimi decenni. Rappresentano il 14,2% dell’intera popolazione e affrontano la loro seconda crisi economica mondiale in soli 12 anni. La grande recessione del 2008 e ora la pandemia.

Tutto senza preavviso .  Ad aprile, la disoccupazione tra i 25 ei 29 anni è cresciuta del 13,1%. È stato il segmento ad aumentare maggiormente. Fedele all’inerzia contagiosa, il primo trimestre si è chiuso con un tasso di disoccupazione per quelli con meno del 25% del 33%, due punti e mezzo in più rispetto alla fine del 2019.

I numeri che sono stati conosciuti ad aprile lasciano un deserto di speranza . La metà della distruzione dell’occupazione (circa 460.000 posti di lavoro) dall’inizio della crisi corrisponde a coloro che hanno meno di 35 anni.

Senza dubbio, la fragilità si insinua nel momento peggiore. I ragazzi che sono entrati nel mercato del lavoro tra il 2008 e il 2013 (nel mezzo della depressione) stanno vivendo questo crollo quando potrebbero iniziare a stabilizzarsi nel loro lavoro.   L’impatto sarà profondo perché i giovani partono da una situazione già molto vulnerabile, segnata dalla temporalità e non hanno ancora finito di pagare il conto per la crisi precedente le dimensioni di tale account avranno anche molto a che fare con il livello di sicurezza del lavoro contro la pandemia. Cioè, se sono stati in grado e possono continuare il telelavoro o se si troverebbero ad affrontare un intenso contatto sociale quando l’attività riprende. “

Sembra che non ci sia né luce né speranza. Attualmente solo il 25,4% dei posti di lavoro possono essere svolto in sicurezza da casa . Una percentuale che potrebbe raggiungere il 43% nello scenario delle restrizioni minime. Un altro corso d’acqua per inondare l’ingiustizia. “Esiste una separazione tra quei giovani che hanno il privilegio di avere un lavoro che può essere svolto da remoto (ad esempio, finanziario o informatico) e quelli che sviluppano professioni (ristoratori, rivenditori) basate sul confronto diretto”, avverte David Grusky, direttore del Center for Poverty and Inequality della Stanford University. E avverte: “Sono nuove forze dell’ingiustizia”.

 Il risultato è una sorta di “invidia demografica”. Un concetto immaginato da Douglas Coupland nel suo romanzo di Generazione X.. Quel ritratto trafitto dalla disuguaglianza e di McJobs dei giovani americani negli anni ’90. Closer.  La probabilità di cadere nella disoccupazione per questi adulti era significativamente più alta tra coloro che avevano aumentato la disoccupazione prima dei 30 anni. E quello stigma è diventato più intenso quanto più lunga è l’esperienza della disoccupazione giovanile.

 

Articolo a cura di Francesca Tinelli