Streaming
Sei in: Home > Articoli > Arte e Cultura > Eventi > Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, a Potenza una manifestazione

Giornata mondiale contro la violenza sulle donne, a Potenza una manifestazione

Giovedì 21 novembre l’assessore Padula invita la comunità potentina alle “donare o prestare un paio di scarpe rosse” da lasciare di fronte al Teatro Stabile.

L’assessore alle Pari opportunità, Politiche Giovanili e Infanzia, Marika Padula, in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne, organizza giovedì 21 novembre 2019 presso il teatro Stabile alle 10 una manifestazione dedicata alla sensibilizzazione e all’impegno per contrastare e prevenire il fenomeno della violenza di genere. “Affinché la città sia protagonista e più concretamente impegnata in quell’occasione, – spiega la Padula – invito a donare o prestare un paio di scarpe rosse, individuate nel tempo come simbolo della lotta contro ogni forma di maltrattamento nei confronti delle donne. Le scarpe potranno essere lasciate nei pressi dell’ingresso del teatro Stabile mercoledì 20 e giovedì 21 novembre.

Ogni forma di violenza è, in quanto tale, deprecabile, segno di profonda inciviltà e ferita per una società nella quale il rispetto per il prossimo è fondamento del vivere e dell’agire quotidiano. Quando a esserne vittima sono poi le donne, la vicenda diventa, se possibile, ancora più grave, constatate le evidenti differenze che contraddistinguono i due sessi, a cominciare dalla forza fisica. Prevaricare con la violenza un essere più debole, non solo è meschino e frutto di una mente malata, ma deve trovare nelle Istituzioni, nella società e in ciascuno di noi una ferma volontà d’opposizione, un costante impegno volto a contrastarne ogni forma fin dal suo sorgere, una chiara e netta denuncia senza attendere che fatti già gravi, abbiano ulteriormente a peggiorare diventando drammaticamente tragici. Ringrazio quanti vorranno essere parte attiva di questo progetto e spero che questa, insieme ad altre iniziative simili contribuiscano concretamente a diffondere una cultura in grado di arginare un fenomeno tanto doloroso”.