ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 10 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

GERACE, PORTA DEL SOLE, l’assessore Varì ha illustrato il progetto finanziato con 20 milioni di euro: “La finalità è di rigenerare, ripopolare e valorizzare il grande patrimonio del borgo”

“La notizia del decreto di concessione del finanziamento di 20 milioni di euro da parte del Ministero della Cultura rappresenta il raggiungimento di un importante obiettivo perseguito mediante la partecipazione al bando ministeriale Pnrr sulla linea A dei borghi nell’ambito del quale il Governo regionale ha candidato Gerace come destinatario dell’intervento, luogo che ha mantenuto nel tempo la riconoscibilità della sua struttura insediativa storica”.

Con questa parole l’assessore regionale allo Sviluppo economico e Attrattori culturali, Rosario Varì, ha introdotto, in Cittadella a Catanzaro, la conferenza stampa di presentazione del progetto di rigenerazione culturale, sociale ed economica “Gerace, porta del sole”, formulato in risposta all’invito del Ministero della Cultura alla candidatura di un borgo per regione, da finanziare nell’ambito delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza.

“Abbiamo atteso – ha specificato l’assessore – che si compisse questa formalità amministrativa per presentare oggi gli interventi previsti nel progetto finanziato, che ha come finalità la rigenerazione culturale economica e sociale del borgo puntando sull’identità territoriale che diviene attrattore culturale per costruire un modello di sviluppo economico, generatore di rilancio occupazionale e di attrattività residenziale. Si tratta di una serie di interventi volti al recupero ed alla valorizzazione di edifici, a migliorare l’accessibilità del borgo, all’erogazione di servizi turistici, culturali e di animazione, formativi e di incentivi alle imprese. Tutte azioni queste, volte allo sviluppo territoriale delle quali beneficerà non solo Gerace ma tutta la nostra Regione”.

“Tre le parole chiave – ha aggiunto infine Varì – rigenerare, ripopolare e valorizzare il grande patrimonio di storia, arte, cultura e tradizioni di questo borgo, facendolo diventare una ricchezza condivisa”. Le attività tecnico-amministrative di applicazione dei criteri per la selezione del borgo – indicati dal MiC – e di redazione progettuale sono state svolte dal Dipartimento Sviluppo economico e Attrattori culturali e dal Comune di Gerace.

“L’Amministrazione comunale di Gerace – ha dichiarato l’assessore alla Cultura, Salvatore Galluzzo – ringrazia il presidente Occhiuto, l’assessore Varì e il suo staff tecnico per il lavoro e il supporto prezioso. Siamo sicuri che la nostra città saprà cogliere questa grande opportunità per rendere Gerace meta ancora di più appetibile a livello turistico e culturale, sia a livello nazionale che internazionale”. Sono intervenuti anche il direttore generale del Dipartimento Sviluppo economico e Attrattori culturali, Fortunato Varone, e la dirigente di settore, Carmen Barbalace. Per Varone si tratta “di un grande progetto che parte dalle peculiarità di un territorio per esaltarle. Un risultato importante ottenuto grazie ad un lavoro intenso. In questo Dipartimento ho trovato una squadra di professionisti eccellenti che mi onoro di dirigere”.

“È stato realizzato un grande lavoro in perfetta sinergia – ha aggiunto Barbalace –. Il Piano Nazionale si basa sulla ‘resilienza’ che è quella che mettiamo in campo tutti noi, con l’attesa e l’aspettativa di valorizzare al meglio i nostri attrattori culturali, affinché la regione Calabria venga conosciuta e apprezzata per come merita”.

IL PROGETTO

“Gerace, porta del sole” si suddivide in nove interventi mirati che risponderanno alle esigenze della comunità e del visitatore/turista.

Artinborgo Festival (600 mila euro): verrà potenziato il festival “Il borgo Incantato: l’arte di strada nei vicoli” che si svolge dal 1999 con ulteriori eventi volti alla valorizzazione del patrimonio storico e architettonico, del sistema produttivo locale e dell’identità locale in chiave partecipativa.

Hub Creatività Mediterranea (1,5 milioni di euro): si prevedono due laboratori, il primo di restauro, dove i beni culturali del borgo diventeranno un laboratorio per giovani, università, accademie di belle arti e associazioni locali; il secondo di artigianato che punta ad essere un luogo di studio, ricerca e apprendimento delle tradizioni manifatturiere artigianali.

Hub formazione turistica (600 mila euro): recupero e adeguamento locali ex-mattatoio e dello spazio esterno chiostro del Convento della Chiesa di San Francesco d’Assisi da adibire a spazio all’aperto per eventi, workshop, networking e corsi di formazione per accompagnatori turistici.

Albergo diffuso (7,7 milioni di euro): riuso e adeguamento di abitazioni con la realizzazione di 160 posti letto luxury, servizi di wellness spa e co-working con “art space” in cui ogni stanza/spazio diventa luogo anche di esposizione artistica.

Accessibilità fisica (3 milioni di euro): accesso facilitato al borgo per la limitazione veicolare del traffico nel centro storico.

Sistema di illuminazione integrato (800 mila euro): impianti di illuminazione decorativa e artistica per i monumenti.

Gerace porta digitale (600 mila euro): servizi digitali per la fruizione del patrimonio artistico e culturale.

Incentivi per lo sviluppo (4 milioni di euro): incentivi per PMI e nuove imprese femminili e giovanili e imprese del terzo settore operanti in ambito culturale, artistico, turistico, ricreativo, sociale.

Marketing territoriale (1,2 milioni di euro): proposta di candidatura del borgo a patrimonio Unesco; attività di formazione e capacity building per migliorare le potenzialità espresse e inespresse del territorio e l’accoglienza turistica; attività di comunicazione e promozione delle risorse artigianali e turistiche.