Sei in: Home > Articoli > Cronaca > False residenze, patteggia ex comandante municipale Amelia

False residenze, patteggia ex comandante municipale Amelia

 

In veste di pubblico ufficiale avrebbe redatto svariati verbali di accertamento anagrafico, risultati poi mendaci, in favore di cittadini extracomunitari i quali, dopo avere affittato degli immobili, chiedevano e ottenevano la residenza anagrafica, presentando poi istanza di ricongiungimento familiare alla prefettura: con questa accusa un ex comandante della polizia locale di Amelia, ora in pensione, ha patteggiato una condanna a tre anni di reclusione (senza sospensione della pena) davanti al giudice del tribunale di Terni Simona Tordelli. Falso in atto pubblico il reato contestato all’uomo.

A renderlo noto è il comando provinciale dei carabinieri, che ha svolto le indagini attraverso il Nucleo operativo della compagnia di Amelia, diretto dal capitano Raffaele Maurizi, con il coordinamento del sostituto procuratore Marco Stramaglia.
I fatti – riferisce un comunicato – risalgono alla primavera del 2019, mentre l’inchiesta è stata avviata nell’autunno successivo, su impulso, oltre che dell’attività informativa dell’Arma, dei vertici dell’amministrazione comunale.