Streaming
Sei in: Home > Edizioni Locali > Ciociaria > Faccia a faccia con i ladri: torna l’incubo furti. Residenti sulle barricate

Faccia a faccia con i ladri: torna l’incubo furti. Residenti sulle barricate

 

Torna l’incubo furti a Sora. L’allarme è scattato nella mattinata in via Don Filippo Annessi, nei pressi della stazione ferroviaria. Una zona centrale e molto trafficata tra scuole e attività commerciali. La residente di un palazzo della zona si è trovata faccia a faccia con i malviventi lungo le scale del condominio. Alla vista della signora, fortunatamente, i ladri si sono dati alla fuga prima di riuscire a mettere a segno il colpo in uno o più appartamenti. Erano quasi sicuramente queste le intenzioni della “banda”, probabilmente dell’Est.

La signora terrorizzata ha allertato gli altri condomini e le forze dell’ordine. Ai poliziotti del commissariato di Sora, intervenuti dopo la segnalazione, ha raccontato che i due uomini fuggiti per le scale avevano un accento dell’est e che un terzo uomo li attendeva fuori dal palazzo, con molta probabilità, per fare da palo. Tante le anomalie riscontrate negli ultimi giorni da parte dei residenti dello stabile che agli agenti hanno segnalato la presenza di auto e persone sospette.

I poliziotti hanno, inoltre, accertato che sullo spioncino di una delle porte degli appartamenti, i ladri, avevano posto un cerotto gommato. Un gesto compiuto, probabilmente, per impedire di essere visti dall’interno. O forse, per agire indisturbati nell’appartamento di fronte senza rischiare di essere visti dai dirimpettai. Qualcosa però è andato storto. L’arrivo della signora ha evitato che i ladri portassero a termine il loro piano. 

Ora resta la paura tra i residenti del condominio e della zona dove si è subito sparsa la voce dell’accaduto. I residenti, stanchi di vivere nel terrore, si sono detti pronti ad organizzare delle ronde per tenere sotto controllo la zona: “Non siamo tutelati -ha spiegato con rammarico un’anziana signora- io vivo da sola. E se entrassero quando io sono in casa? Chi potrebbe aiutarmi?” L’allerta resta massima.