ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Enti locali: Roberti, con albo Fvg segretari esercitiamo autonomia

Trieste, 22 giu – “Lo schema di disegno di legge approvato da
poco dalla Giunta regionale punta a dare una risposta concreta
alla cronica mancanza di segretari nei Comuni e negli enti locali
della nostra Regione. In questo momento sono operativi appena 43
funzionari per 215 amministrazioni comunali del Friuli Venezia
Giulia. Professionisti che nelle scorse settimane abbiamo
incontrato uno ad uno. Con questo intervento normativo abbiamo
deciso di esercitare appieno una competenza propria di una
Regione autonoma come la nostra, anche per evitare qualsiasi
possibilità di impugnazione da parte dello Stato”.

Lo ha affermato oggi l’assessore alle Autonomie locali, Pierpaolo
Roberti, nel corso della riunione del Cal dedicata al ddl
intitolato “Ordinamento dei segretari degli enti locali nella
Regione Friuli Venezia Giulia”.

“Questo provvedimento – ha spiegato Roberti – prevede un sistema
autonomo di reclutamento dei segretari che vengono inquadrati in
un’area contrattuale del Comparto unico e quindi alle dipendenze
dell’Amministrazione regionale, mentre le funzioni sono
attribuite all’ente locale che affida l’incarico”.

“In sostanza – ha precisato l’assessore – i segretari attualmente
in carica e che esercitano in Friuli Venezia Giulia, entro il 31
dicembre di quest’anno, dovranno decidere se iscriversi nell’albo
regionale oppure rimanere in quello nazionale, precludendosi in
questo modo di lavorare nella nostra Regione”.

“È un tema di difficile gestione, ma è importante – ha
sottolineato l’esponente della Giunta – che questi funzionari
oggi in servizio superino qualsiasi blocco pregiudiziale
sull’ipotesi di regionalizzazione di questa figura determinante
per la vita delle amministrazioni locali”.

Nel corso della riunione è stato inoltre spiegato che, in attesa
di espletare la prima selezione, la norma prevede una disciplina
transitoria che consente, mediante un apposito sistema di
reclutamento, il conferimento di incarichi a tempo determinato –
nelle sedi di segreteria fino a 3mila abitanti – a soggetti in
possesso dei requisiti per l’accesso alla carriera di segretario.

“Si tratta di persone – ha detto Roberti – che stanno già
rivestendo il ruolo di vicesegretari con diverse formule e
dipendenti delle amministrazioni comunali che hanno titolo per
poter accedere alla carriera di segretario, ma anche figure
esterne con i requisiti per entrare nell’albo dopo un corso
professionalizzante. Questa fase transitoria, che terminerà
proprio con l’espletamento del corso-concorso per l’iscrizione
all’Albo regionale dei segretari, ci consente di fatto di evitare
una situazione di stallo”.

“Vogliamo infine istituire una cabina di regia, composta dai
rappresentanti dei sindaci, dei segretari e della Regione, per
monitorare una serie di aspetti che – ha concluso l’assessore –
riguardano in particolare la formazione e i fabbisogni dei
diversi enti locali”.

A conclusione dell’odierna seduta è stato deciso, prima di
esprimere un parere, di approfondire questa tematica
nell’apposita Commissione del Consiglio delle autonomie locali.
ARC/RT/ma