Sei in: Home > Archivio > Emilia Romagna, al ballottaggio Imola e Salsomaggiore

Emilia Romagna, al ballottaggio Imola e Salsomaggiore

A Brescello, città che ha dato i natali a Don Camillo e Peppone, ha vinto una donna: Elena Benassi

Il destino dei due più grandi comuni al voto in Emilia Romagna, Imola e Salsomaggiore Terme, sarà deciso il 24 giugno al ballottaggio. A Imola, la sfida è tutta al femminile e vede in campo Carmen Cappello e Manuela Sangiorgi. La prima, sostenuta da Pd, Psi, Mdp e tre liste civiche, ha ottenuto il 42% dei voti. Manuela Sangiorgi, del Movimento 5 Stelle, si è fermata al 29,3%. Dietro di loro: Giuseppe Palazzolo, leghista appoggiato dal centrodestra che ha ottenuto il 23,1%; Filippo Samachini (Sinistra Unita, 3,2%), Giambattista Boninsegna (Popolo della Famiglia, 1,2%), Franco Benedetti (lista civica per l’autodromo, 0,7%) e Franco Armiento (Azione imolese, 0,4%). Il risultato è apertissimo: se al ballottaggio i sostenitori di Palazzolo spostassero i voti sulla candidata pentastellata (confermando così l’alleanza al governo) ne decreterebbe la vittoria.

Attende il ballottaggio anche Salsomaggiore Terme, in provincia di Parma. Il sindaco uscente del Pd, Filippo Fritelli, è arrivato al 43% e sarà sfidato da Anna Volpicelli, centrodestra, che si è fermata al al 36,8%. Flop del candidato a 5 stelle, Giuseppe D’Andrea (8,8%), superato anche dal civico Giorgio Vernazza (11,4%). Tra gli altri risultati di rilievo, in Emilia-Romagna, c’è da segnalare che torna ad avere un sindaco Brescello (Reggio Emilia), comune noto per aver dato i natali a Peppone e Don Camillo che era stato sciolto per le infiltrazioni della ‘ndrangheta. Ha vinto Elena Benassi, candidata della lista civica ‘Brescello che vogliamo’. Alle sue spalle Maria Cristina Saccani, sostenuta dal Pd, che si è fermata al 32,1

Il centrosinistra è riuscito, tuttavia, a difendere alcuni fortini ‘rossi’ in Emilia.

Ha vinto al primo turno a Castelvetro (Piacenza) Luca Quintavalla contro Paola Baroni (centrodestra); nel Reggiano, a San Polo d’Enza trionfa Franco Palù (Pd) contro Carlo Bronzoni (centrodestra); a Castelnuovo ne’ Monti (Reggio Emilia), vince il 23enne Francesco Monica (Castelnovo Democratica, lista sostenuta dal Pd) contro ‘Cittadini in Comune’ che ha candidato Daniele Galli (FI) ma in lista c’era anche Chiara Carnevali, (Movimento 5 Stelle). Il centrosinistra la spunta anche in alcuni paesini del Modenese. A Camposanto passa Monja Zaniboni, candidata del centrosinistra con la lista ‘Noi per Camposanto’ sconfiggendo Mauro Neri, candidato del centrodestra con la lista ‘Uniti per Camposanto’. A Polinago vittoria per il sindaco riconfermato Gian Domenico Tomei che si è presentato con la lista civica (senza connotazione partitica, pur essendo lui tesserato Pd) di ‘Progetto Polinago’ mentre perde Simona Magnani di ‘Noi Polinago’ sostenuta da Lega e Forza Italia.