ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 26 Giugno 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

È Claudio Alì il nuovo direttore di Asis

Sostituisce l’ingegner Luciano Travaglia andato recentemente in pensione dopo 20 anni di direzione.

DA sinistra il nuovo direttore di Asis, Claudio Alì, il presidente di Asis, Martino Orler, il sindaco Franco Ianeselli e l'assessore Salvatore Panetta

È il manager Claudio Alì il nuovo direttore di Asis, l’Azienda speciale per la gestione degli impianti sportivi del Comune di Trento.

Il Consiglio di amministrazione di Asis – di comune accordo con la Giunta comunale – si era rivolto alle società specializzate nella ricerca di personale di alto profilo e tra ben 99 candidature è stato scelto Claudio Alì che ha già iniziato il suo lavoro da qualche giorno.

“Si tratta di un professionista conosciuto che ci garantisce fin da subito piena operatività – ha detto il sindaco Franco Ianeselli in sede di presentazione – A lui, come amministrazione, chiediamo un orientamento forte verso gli utenti che devono diventare sempre più centrali. Lo sport è fondamentale: è anche nei campi e negli impianti sportivi gestiti da Asis che si gioca la coesione sociale del nostro territorio”.

Per l’assessore allo sport Salvatore Panetta: “La sostituzione del direttore è stata rapida ed efficiente. Adesso impegniamoci in sinergia – Comune e Asis – ad alzare l’asticella della qualità”.

Per il presidente di Asis Martino Orler: “Considerato il suo curriculum è sicuramente al posto giusto perché in Asis si deve coniugare il privato con il pubblico”.

Infine il neo direttore ha detto di “aver trovato in questi primi giorni una buona squadra. Concordo che il nostro obiettivo deve essere quello di essere rivolti specificatamente all’utente. Questo nella gestione quotidiana delle strutture. Ma il mio sogno è che Asis non sia solo un ottimo manutentore di impianti ma diventi ambasciatore dello sport della città di Trento. Per fare ciò è fondamentale dialogare con tutte le associazioni che gestiscono lo sport, a tutti i livelli”.