Sei in: Home > Edizioni Locali > Difende ragazza da scippo: ucciso da un proiettile alla testa

Difende ragazza da scippo: ucciso da un proiettile alla testa

image_pdfimage_print

Il personal trainer Luca Sacchi è stato ucciso con un colpo di pistola da un rapinatore che stava scippando la sua ragazza.

Luca Sacchi è stato freddato da un colpo di pistola ieri sera intorno alle 23:30 a Colli Albani. Il fatto è avvenuto in via Bartoloni. Il ragazzo stava provando a bloccare un rapinatore che voleva scippare la sua ragazza. L’uomo ha quindi afferrato una pistola e lo ha colpito alla testa.

Quando è stato soccorso dagli operatori del 118 è apparso subito in gravi condizioni. Trasportato d’urgenza all’ospedale San Giovanni, è stato anche sottoposto ad intervento chirurgico. Nello stesso ospedale è stata accompagnata anche la fidanzata per una contusione alla testa.

L’aggressione è avvenuta poco distante dal pub John Cabot. Il bossolo è stato trovato all’interno del locale.

Alcuni testimoni hanno raccontato che: “Quei ragazzi stavano venendo verso il locale quando due persone che li seguivano da qualche minuto su una piccola auto bianca, forse una Smart. All’improvviso sono scese e hanno cercato di strappare la borsa alla ragazza. È scoppiata una colluttazione e hanno colpito il ragazzo col calcio della pistola e poi gli hanno sparato. Un altro colpo è finito all’interno del locale senza però ferire nessuno”.

Anastasia, la ragazza di Luca racconta: “Eravamo appena usciti dal pub. Mi sono sentita strattonare da dietro, mi hanno detto: ‘dacci la borsa’. Gliela stavo consegnando quando mi hanno colpito con una mazza. A questo punto è intervenuto Luca che ha reagito bloccando il ragazzo che mi aveva aggredito, poi è intervenuto l’altro che gli ha sparato alla testa”.