Streaming
Sei in: Home > Articoli > Cronaca > Decreto Sicurezza, Milano istituirà registro per richiedenti asilo

Decreto Sicurezza, Milano istituirà registro per richiedenti asilo

Per tutelare i migranti esclusi dall’anagrafe cittadina per effetto per dl Salvini, il Comune di Milano istituirà un registro per facilitare l’accesso ai servizi.

Dopo l’entrata in vigore del Decreto Salvini su Sicurezza e Immigrazione, alcuni migranti non potranno più essere iscritti all’anagrafe cittadina. Per tutelare queste persone, escluse da alcuni servizi per via del dl Salvini, il Comune di Milano ha deciso che istituirà un registro per i richiedenti asilo. In questo modo, l’amministrazione potrà prendersi ugualmente cura di queste persone, che pur non saranno iscritte ai registri anagrafici della città. Ad annunciare la decisione sono stati Pierfrancesco Majorino, assessore alle Politiche sociali, e Roberta Cocco, assessore ai Servizi civici, in commissione a Palazzo Marino.

Inserire i richiedenti asilo in questo registro significa avere sotto controllo il numero di migranti domiciliati nella città di Milano. Questi dati saranno poi messi a disposizione degli enti potenzialmente interessati, come l’Inps, Ats (Agenzie di Tutela della Salute), strutture sanitarie e scuole, che potranno facilmente continuare ad erogare i servizi a cui i migranti hanno ancora diritto ad accedere.

Inoltre, per garantire a tutti l’accesso ai propri diritti, gli sportelli comunali presenti in via Scaldasole, offriranno consulenza legale a chiunque la richieda. E ancora, per arginare gli effetti del decreto Sicurezza, il Comune di Milano impiegherà una rete civica messa in campo per facilitare l’integrazione, e per evitare che coloro che hanno perso il diritto all’accoglienza con la nuova legislazione finiscano per strada.