ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
lunedì 5 Dicembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

[rank_math_breadcrumb]

Cultura: Gibelli, poesia per guardare al futuro

Trieste, 21 mar – “I versi di Zdravljica (Brindisi), una delle
poesie di France Prešeren, sono scritti poco più di un secolo fa
ma sono quanto mai attuali; malgrado la drammaticità in atto in
Ucraina, dobbiamo guardare avanti e farci scudo con la poesia per
non essere fiaccati nell’animo dal conflitto in corso, dobbiamo
avere speranza e fiducia per consegnare il futuro alle nuove
generazioni”.
Lo ha detto l’assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia,
Tiziana Gibelli, portando il saluto anche dell’assessore
regionale Pierpaolo Roberti, oggi, nella sala Tessitori del
palazzo del Consiglio Regionale a Trieste, dove ha aperto la
presentazione del volume Poesie di France Prešeren (1800-1849),
il massimo poeta romantico sloveno, citandone i versi.
Per l’occasione è stata proposta al pubblico una serie di poesie
commentate da Miran Košuta, titolare della cattedra di Lingua e
Letteratura slovena nel dipartimento di Studi Umanistici
dell’Università di Trieste, nonché traduttore dell’intero volume
Poezije di France Prešeren, pubblicato per la prima volta nel
1847.
Con la poesia scelta da Gibelli, la cui settima strofa è l’inno
nazionale vero e proprio della repubblica di Slovenia, Prešeren
intendeva non solo esaltare la Slovenia, ma brindare a tutti i
popoli del mondo quando, superati odii e guerre, ciascuno avrebbe
visto nell’altro non il confinante ma il vicino di casa.
“Questi versi – ha commentato Gibelli – riguardano anche il
legame con la propria terra. In Friuli Venezia Giulia siamo molto
legati alle radici, ma a volte cadiamo nel campanilismo, dobbiamo
proseguire ad evolvere superando i confini. La nostra regione ha
grandi potenzialità e per molti aspetti siamo un passo avanti ad
altri ma possiamo certamente crescere ancora superando
l’attaccamento esasperato nella difesa dei propri confini”.
Gibelli ha apprezzato l’evento esprimendo soddisfazione per aver
concluso la giornata mondiale della poesia parlando della massima
espressione letteraria in lingua slovena.
L’evento, patrocinato dal Consiglio regionale del Friuli Venezia
Giulia, è stato organizzato dall’associazione degli Slavisti di
Trieste-Gorizia-Udine, in collaborazione con l’Unione culturale e
economica slovena e la Confederazione delle organizzazioni
slovene.
ARC/LP/al