ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
mercoledì 17 Agosto 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Coronavirus: oltre 150 mila casi nel mondo, 5.600 morti. Trump ha fatto il test

I contagi da coronavirus nel mondo hanno superato i 150 mila casi mentre il bilancio dei morti, a livello globale, è sopra i 5.600 casi. E’ quanto rileva la Jonhs Hopkins University nel suo monitoraggio sull’andamento della pandemia. Le persone guarite sono, invece, 72 mila.

“Ho fatto il test per il coronavirus”, ha detto il presidente americano Donald Trump, spiegando che ancora non c’e’ il risultato. Trump è apparso a sorpresa al briefing giornaliero della task force della Casa Bianca sul coronavirus. “Finora abbiamo solo 50 morti”, ha detto il presidente americano ricordando quanto bene stia facendo il governo e prendendosi il merito del rally di ieri di Wall Street. Trump ha annunciato che la restrizione dei viaggi dall’Europa agli Stati Uniti sara’ estesa al Regno Unito e all’Irlanda. 

Attualmente i casi accertati negli Stati Uniti sono oltre 2.100 in 49 Stati più la capitale Washington. “Non abbiamo raggiunto il picco. Vedremo molti altri casi”, ha detto Anthony Fauci, il direttore dell’istituto americano per le malattie infettive, membro della task force anti-coronavirus della Casa Bianca. 

Una donna di 82 anni e’ la prima vittima del coronavirus a New York. Soffriva di enfisema e altre patologie respiratorie. 

In Spagna la situazione è critica: sono 189 i decessi e oltre 6.000 i contagi. Il governo spagnolo ha proibito tutti gli spostamenti che non siano dettati da cause di forza maggiore ma è consentito andare al lavoro e rifornirsi di beni alimentari. Lo riporta El Pais precisando che lo ha deciso il Consiglio dei ministri in una riunione straordinaria convocata per decretare lo stato di emergenza annunciato ieri dal premier Pedro Sanchez e che sarà in vigore per almeno due settimane.


E in Spagna sono stati registrati in un giorno più di 1.500 nuovi casi di coronavirus
, secondo l’ultimo bilancio reso noto dalle autorità. Il Paese conta 136 morti. Con un totale di 5.753 casi, la Spagna è il secondo Paese in Europa ad aver il più alto numero di contagiati.

Un neonato è stato trovato positivo al test del coronavirus in un ospedale di Londra.
Si tratta del più giovane contagiato in Gran Bretagna. Lo riporta il Guardian. La madre del piccolo, ricoverata in un ospedale nel nord della capitale britannica qualche giorno prima del parto per una polmonite, era stata contagiata dal Covid-19.

Raddoppia il numero dei morti accertati nel Regno Unito a causa del coronavirus, secondo i dati raccolti dalla Bbc preso il servizio sanitario nazionale (Nhs). Il totale passa dagli 11 di ieri sera ai 21 certificati finora oggi.

Prendere farmaci antinfiammatori, contenenti ibuprofene o cortisone ad esempio, “potrebbe essere un fattore aggravante dell’infezione” nei malati di coronavirus: E’ l’avvertimento del ministro della Salute francese, Olivier Véran. “Prendere anti-infiammatori (ibuprofène, cortisone…) – ha scritto Véran su Twitter – potrebbe essere un fattore aggravante dell’infezione. In caso di febbre, prendete del paracetamolo. Se siete già sotto anti-infiammatori o in caso di dubbio, chiedete consiglio al vostro medico”.

L’Iran annuncia altri 97 morti per la pandemia di coronavirus nelle ultime 24 ore, portando il numero totale dei decessi finora a 611. Lo riferisce il portavoce del ministero della Sanità, Kianoush Jahanpour. Lo stesso ha aggiunto che il numero dei contagiati è di 12.729, di cui 4.339 guariti; 1.365 casi nuovi sono stati registrati nelle ultime 24 ore.

La diffusione del coronavirus in Giappone non è ancora a livelli allarmanti per cui non è necessario decretare lo stato di emergenza. Lo ha detto il premier Shinzo Abe durante una conferenza stampa trasmessa in diretta dalla televisione nazionale Nhk, spiegando che “non si è registrata un’esplosione dei contagi come in altri Paesi”, ma che tuttavia la vigilanza rimarrà elevata. Abe ha inoltre esortato i cittadini ad evitare aree affollate per contenere l’ulteriore espansione della malattia.

Sono solo 4 i casi di infezioni al coronavirus registrati a Wuhan
,capoluogo della provincia dell’Hubei e focolaio della pandemia. Secondo gli aggiornamenti forniti dalla Commissione sanitaria nazionale (Nhc) cinese, si tratta del livello più basso da quando da gennaio è iniziata la raccolta dei dati. Per la prima volta, inoltre, i casi importati di infezione hanno superato quelli locali: sugli 11 complessivi di ieri, oltre ai 4 di Wuhan, gli altri 7 sono ‘contagi di ritorno’, di cui 4 a Shanghai, due nel Gansu e uno a Pechino.

Più in generale la Cina ha avuto venerdì 11 nuovi casi di coronavirus e 13 morti, tutti nell’Hubei, la provincia epicentro dell’epidemia. Secondo gli ultimi aggiornamenti della Commissione sanitaria nazionale, ci sono stati anche 17 nuovi casi sospetti, 1.430 persone dimesse dagli ospedali e un calo di pazienti in condizioni critiche di 410 unità, a 3.610. Il totale delle infezioni si è attestato a 80.824, comprensivo di 12.094 pazienti ancora sotto trattamento medico, 65.541 guariti e 3.189 decessi. La percentuale di guarigione è salita all’81%.

Nella speranza di limitare il contagio di coronavirus il governo marocchino chiude tutte le frontiere per evitare l’ingresso di stranieri e isolare i marocchini. Ceuta e Melilla, le enclave spagnole in Marocco sono completamente isolate. Il porto di Tanger-Med, il più grande d’Africa, ha chiuso il terminal per i passeggeri.

L’Arabia Saudita ha annunciato che sospenderà tutti i voli internazionali per due settimane a partire da domani a causa della pandemia di coronavirus che ha registrato nel Paese 86 casi di contagio. “Il governo del Regno ha deciso di sospendere i voli internazionali per due settimane a partire da domani, 15 marzo, nell’ambito degli sforzi per evitare il diffondersi del coronavirus”, è il tweet del ministero degli Esteri.

Alla luce delle circostanze straordinarie che il mondo si trova ad affrontare per l’emergenza legata alla diffusione del virus Covid-19, MSC Crociere ha deciso di fermare temporaneamente tutte le proprie crociere negli Stati Uniti per 45 giorni, fino al 30 aprile. Lo ha annunciato Pierfrancesco Vago, presidente esecutivo di MSC Crociere: “Non è una decisione che abbiamo preso alla leggera, ma nelle circostanze attuali la salute e la sicurezza dei nostri ospiti, dell’equipaggio e delle comunità a terra – compresi i nostri dipendenti e le loro famiglie – deve venire prima di tutto. Quale azienda a conduzione familiare, con oltre 300 anni di tradizione marinara, abbiamo ritenuto che questa fosse la decisione giusta da prendere”.