Sei in: Home > Edizioni Locali > Commercio: Giunta regionale aumenta di 3 milioni le risorse del bando aggregazioni

Commercio: Giunta regionale aumenta di 3 milioni le risorse del bando aggregazioni

image_pdfimage_print

La Giunta regionale ha approvato l’aumento di 3 milioni di euro della dotazione finanziaria del bando POR FESR 2014-2020 per le imprese aggregate del commercio.

Si tratta di un bando sul quale erano già stati assegnati, a novembre scorso, 5 milioni di euro, che prevede aiuti per investimenti in macchinari, impianti e beni intangibili, accompagnamento dei processi di riorganizzazione e ristrutturazione aziendale a progetti che aggreghino più imprese del settore del commercio.

Con le risorse messe a disposizione saranno, quindi finanziati altri 25 progetti di imprese aggregate, che vanno ad aggiungersi ai 44 già finanziati, per un investimento che ammonta a più del doppio del contributo assegnato.

“Questo provvedimento della Giunta mette ancora disposizione un aiuto concreto alle imprese del commercio del Veneto, – sottolinea l’assessore regionale allo sviluppo economico – una iniziativa fondamentale a sostegno delle piccole attività di prossimità, che così bene rappresentano un elemento fondamentale di contrasto allo spopolamento delle città e all’abbandono dei centri urbani”.

“Dopo anni di politiche attive a favore delle aggregazioni, – conclude l’assessore – questi progetti sono la prova tangibile che è stata vinta una sfida culturale e che le imprese del commercio hanno saputo capire l’importanza del lavoro di squadra, dimostrando capacità di rinnovamento e di spirito di innovazione, alla pari con le imprese di altri settori produttivi”.

Per consentire la realizzazione degli interventi previsti le imprese ammesse a finanziamento con il provvedimento di giunta godranno anche di uno spostamento dei termini di conclusione rispetto alle imprese già ammesse a finanziamento con l’approvazione della graduatoria. I progetti, infatti, dovranno essere conclusi entro il 15 marzo 2021 e rendicontati alla Regione entro il 31 marzo 2021.