ITALIA

dall'

Solo notizie convalidate
domenica 25 Settembre 2022

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

LA QUALITÀ ITALIANA NEL MONDO

EDIZIONI REGIONALI

Case popolari Roma, audizione sul piano vendita degli immobili di pregio

Case popolari Roma, audizione sul piano vendita degli immobili di pregio

Associazioni degli inquilini e sindacati ascoltati dalla commissione Politiche abitative.

Un complesso Ater 20/09/2022 – Netta contrarietà da parte dei due sindacati presenti (Asia Usb e Unione inquilini), giudizio favorevole, anche se con la richiesta di alcune modifiche, da parte delle due associazioni di inquilini Ater di San Saba che sono intervenute.
Questo, in sintesi, quanto emerso nell’audizione che si è svolta oggi nella commissione Politiche abitative del Consiglio regionale, sul piano vendita degli immobili di elevato pregio dell’Azienda territoriale per l’edilizia residenziale (Ater) del Comune di Roma.
Secondo Asia Usb e Unione inquilini “si tratta di una delibera su cui esprimere parere contrario”. Perché “fa parte di un continuo processo di privatizzazione del patrimonio abitativo del patrimonio dell’Ater, mentre ci sarebbe al contrario bisogno di nuovi alloggi pubblici da immettere sul mercato. Vista anche la situazione di profonda crisi economica nella quale ci troviamo: una delibera giuridicamente illegittima, politicamente inopportuna”.
Di diverso avviso la Rete comune inquilini Ater San Saba e l’Associazione appartamenti San Saba che hanno parlato di provvedimento atteso da anni. Le due associazioni hanno chiesto di includere anche i “villini” di San Saba nel piano vendita e di garantire il diritto a restare negli appartamenti per chi decide di non comprare “per garantire il carattere popolare del nostro quartiere”.
Fra gli intervenuti anche la presidenza della commissione Casa del Comune di Roma che ha parlato di “delibera positiva ma da migliorare, nella parte che riguarda la mobilità degli inquilini che non acquistano l’immobile e sull’accesso ai mutui, prevedendo la futura vendita per chi non riesce a ottenere il finanziamento dalle banche”.
L’assessorato regionale alle Politiche abitative, nella sua replica, ha ribadito la piena legittimità del provvedimento, che “segue norme introdotte dal Consiglio regionale in risposta a precise richieste dei cittadini” e ha garantito la disponibilità della Giunta ad accettare osservazioni che migliorino il provvedimento.

La presidenza della commissione ha ricordato che altri sindacati che non hanno potuto essere presenti hanno già inviato documenti con le loro posizioni e ha ricordato il termine per la presentazione delle osservazioni: giovedì 22 settembre alle 12. A cura dell’Ufficio stampa del Consiglio Regionale del Lazio