Sei in: Home > Edizioni Locali > Genova > Carabinieri accerchiati in via prè durante un arresto di un giovane senegalese

Carabinieri accerchiati in via prè durante un arresto di un giovane senegalese

Ancora un arresto per spaccio in via Pré, questa volta però complicato dal tentativo, da parte di un gruppo di persone presenti in strada, di far fuggire il pusher inseguito dai carabinieri.

Tutto è iniziato giovedì pomeriggio nei pressi delle scale della metropolitana, dove due uomini si sono scambiati qualcosa. I carabinieri hanno notato la scena e si sono avvicinati, nel mentre i due sono scappati imboccando via Pré verso vico Largo per cercare di seminarli.

Arrivati in via Pré, i militari della Maddalena sono riusciti a fermare un giovane di origini senegalesi che con sé aveva circa 800 euro in contanti, 9 dosi di cocaina e crack e 6 di eroina. Nel vedere l’uomo fermato cercare di fuggire, sulla scena si è formato un capannello di persone – alcune identificate dai carabinieri in pusher attivi in via Pré – che hanno accerchiato i militari costringendoli a chiedere rinforzi.

Sul posto sono quindi arrivate cinque macchine dei carabinieri, tre della polizia e un’ambulanza chiamata per la persona fermata, che ha dichiarato di sentirsi male: accompagnato al Villa Scassi, è risultato in buona salute, mentre un carabiniere è rimasto ferito a una mano.

L’uomo è stato arrestato e in mattinata è prevista l’udienza di convalida. La zona in cui è stato necessario l’intervento massiccio delle forze dell’ordine è quella in cui da tempo ormai cittadini e commercianti denunciando spaccio e degrado senza freni, con i pusher che spacciano droga a ogni ora del giorno e della notte spaventando non solo i residenti ma anche i clienti degli esercizi commerciali.