Streaming
Sei in: Home > Articoli > Brogli elettorali a Piedimonte: arrestato Ettore Urbano

Brogli elettorali a Piedimonte: arrestato Ettore Urbano

Le schede sarebbero state manomesse dagli indagati al fine di crearsi la motivazione per presentare poi ricorso presso il Tribunale Amministrativo Regionale così da far annullare la vittoria del rivale dell’arrestato

La piccola comunità di Piedimonte San Germano, in provincia di Frosinone, questa mattina si è svegliata con una sorpresa: il consigliere comunale e stimato primario dell’ospedale di Cassino, Ettore Urbano, è stato arrestato.La squadra informativa del commissariato di polizia di Cassino e quella di polizia giudiziaria hanno infatti eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari nei confronti del 63enne, candidato sindaco al Comune nelle tornata elettorale del giugno 2017, quando è stato eletto sindaco Gioacchino Ferdinandi, la cui lista “Piedimonte Ora” è risultata vincitrice per soli 32 voti sulla lista “Azione Comune”collegata invece all’indagato.

L’arresto del consigliere comunale, su provvedimento del gip di Cassino, è scaturito dopo indagini su presunti brogli elettorali.

Gli inquirenti avrebbero accertato l’alterazione di una sessantina di schede elettorali. L’alterazione delle schede sarebbe avvenuta, dopo le operazioni di voto, quando queste erano custodite negli uffici del comune in attesa di essere successivamente consegnate alla Prefettura di Frosinone. Sono stati acquisiti, inoltre, elementi probatori a carico di altri soggetti indagati, i quali, a vario titolo, hanno contribuito alla realizzazione dell’illecito intento.

Le schede sarebbero state manomesse dagli indagati al fine di crearsi la motivazione per presentare poi ricorso presso il Tribunale Amministrativo Regionale (ricorso successivamente presentato dal candidato sindaco Urbano Ettore). Le 59 schede incriminate, recanti tutte il voto a favore della lista “Piedimonte Ora”, erano segnate con un disegno geometrico all’interno del simbolo di tale lista.

Le risultanze di indagine hanno accertato il ruolo di ideatore ed istigatore del disegno criminoso attuato dell’indagato Urbano Ettore, destinatario della misura cautelare per i gravi indizi di colpevolezza e per il pericolo di reiterazione di reati della medesima specie.